Foreign Intelligence Surveillance Act

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Foreign Intelligence Surveillance Act (in acronimo FISA, traducibile in lingua italiana atto sulla sorveglianza e l'intelligence straniera) è un atto normativo degli Stati Uniti d'America.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Esso venne emanato nel 1978. L'atto è stato modificato dallo USA Act (parte dello USA PATRIOT Act) nel 2001, dopo gli attentati dell'11 settembre 2001, soprattutto per comprendervi previsioni in materia di terrorismo al fine di colpire gruppi non esplicitamente sostenuti da Stati stranieri.

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

Esso detta le procedure per la sorveglianza fisica ed elettronica e per la raccolta delle informazioni di intelligence straniera (foreign intelligence information) messe in atto da potenze straniere (foreign powers) negli USA.

I sottocapitoli del FISA dettano norme in materia di:

  • sorveglianza elettronica e fisica;
  • uso di Pen Registers (un apparecchio elettronico che registra tutti i numeri chiamati da una linea telefonica) e di apparecchi Trap & Trace per scopi relativi ad attività di intelligence all'estero;
  • accesso a determinate informazioni economiche per scopi relativi alle intelligence straniere.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]