Fattore intrinseco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fattore intrinseco
Modello tridimensionale dell'enzima
Modello tridimensionale dell'enzima
Numero EC 9008-12-2
Altri nomi
Fattore intrinseco di Castle, Fattore gastrico antipernicioso, Fattore gastrico intrinsico (FGI)
Banche dati BRENDA, EXPASY, GTD, KEGG, PDB
Fonte: IUBMB

Il fattore intrinseco (FI), o fattore gastrico antipernicioso, è una glicoproteina secreta dalle cellule parietali delle ghiandole ossintiche, nella mucosa gastrica. Esso fu scoperto dal clinico americano William Bosworth Castle.

Esso è necessario all'assorbimento della vitamina B12. Di conseguenza la perdita delle cellule che lo secernono, causata da processi autoimmuni, determina la comparsa del quadro di anemia perniciosa propriamente detta, causata da deficit di vitamina B12 e dunque difetto di maturazione dei blasti nel midollo ematopoietico. Inoltre la carenza di vitamina B12 può causare anemia megaloblastica, caratterizzata da cellule ipertrofiche, turnover dei globuli rossi più rapido e scarso sviluppo nucleare. Il fattore intrinseco viene secreto dalle cellule parietali (ossintiche) in risposta agli stessi stimoli che determinano la secrezione di HCl (acido cloridrico). La secrezione del fattore intrinseco è l'unica funzione gastrica essenziale per la vita dell'uomo. I fattori che possono provocare carenza di questo fattore sono l'alcolismo, gastriti e, in generale, danni alla mucosa gastrica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]