Fallah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una fellà egiziana in un'illustrazione per il periodico Le Tour du Monde.

La parola fallah (plurale fallahun/in, in arabo: فـلاح ‎), adattata in italiano come fellà,[1][2][3][4] significa "contadino, agricoltore, lavoratore della terra".

La parola deriva dalla radice trilittera <f-l-ḥ> che significa "spaccare, fendere (il terreno)" da cui ha origine anche il sostantivo filāa, "agricoltura" .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DIZIONARIO ITALIANO OLIVETTI - fellà, su www.dizionario-italiano.it. URL consultato il 27 dicembre 2022.
  2. ^ Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli, Il Devoto-Oli 2010 : vocabolario della lingua italiana, Mondadori Education, 2009, ISBN 978-88-00-20840-6. URL consultato il 27 dicembre 2022.
  3. ^ Emiliano Barbiero, Omonimie italiane: parole che in italiano si scrivono nello stesso modo ma che hanno diverso significato e spesso si pronunciano diversamente, LIEF, 2003. URL consultato il 27 dicembre 2022.
  4. ^ Elio Migliorini, Profilo geografico del Vicino oriente, Libreria scientifica editrice, 1964. URL consultato il 27 dicembre 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]