Expressen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Expressen
Logo
StatoSvezia Svezia
Linguasvedese
Periodicitàquotidiano
Formatotabloid
Fondazione16 novembre 1944
SedeStoccolma
EditoreGruppo Bonnier
Sito webwww.expressen.se
 

L'Expressen è uno dei due quotidiani serali nazionali della Svezia, insieme a Aftonbladet. È di proprietà del Gruppo Bonnier.[1][2] A partire dal 2005, il giornale aveva una posizione liberale,[3] ma dichiarò la sua inclinazione indipendente nel 1995.[4]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione di Expressen fu pubblicata il 16 novembre 1944.[4][5] Una caratteristica principale di quel giorno fu un'intervista con i membri dell'equipaggio di un bombardiere britannico che riuscirono ad affondare la nave tedesca Tirpitz. Il periodico nasceva dal progetto di Albert Bonnier Jr., Carl-Adam Nycop e Ivar Harrie - che sarebbe diventato il primo redattore capo - di un giornale creato in parte per respingere "il socialismo nazionale e le ideologie violente correlate".[6]

Attraverso fusioni, l'edizione di Göteborg dell'Expressen è intitolata GT (originariamente Göteborgs-Tidningen) e l'edizione di Malmö è intitolata Kvällsposten, ma i tre condividono metà del contenuto. Expressen (con GT e Kvällsposten) mantiene un profilo politico di centrodestra, descrivendo la sua posizione editoriale come "liberale indipendente", mentre il concorrente Aftonbladet è socialdemocratico. La proprietà di Expressen (e del più grande giornale mattutino svedese Dagens Nyheter) è controllata dalla famiglia Bonnier, mentre Aftonbladet è di proprietà congiunta dei sindacati svedesi e della famiglia editoriale norvegese Schibsted.

Kvällsposten[modifica | modifica wikitesto]

Kvällsposten, fondato nel 1948, è - dal 1998 - un'edizione di Expressen distribuita nel sud della Svezia, comprese le contee di Scania e Blekinge. La sua redazione è a Malmö.

GT[modifica | modifica wikitesto]

Göteborgs-Tidningen o GT era un giornale scandalistico fondato a Göteborg nel 1902. GT era di proprietà di Göteborgs Handels- och Sjöfartstidning, ma nel 1973 fu acquisita da Göteborgs-Posten. Nel 1998 Bonnier AB ha acquistato il giornale e da allora è diventato un'edizione regionale di Expressen, distribuito nel sud-ovest della Svezia, compresa la contea di Västra Götaland.

Il quartier generale di GT è a Göteborg [7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert G. Picard, Media Ownership and Concentration in the Nordic Nations (PDF), su cem.ulaval.ca, Le Centre d'études sur les médias. URL consultato il 13 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  2. ^ The press in Sweden, in BBC News, 2004. URL consultato il 18 novembre 2014.
  3. ^ Swedish mass media (PDF), in Swedish Institute, 2006. URL consultato il 18 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2013).
  4. ^ a b Stig Hadenius e Lennart Weibull, The Swedish Newspaper System in the Late 1990s. Tradition and Transition (PDF), in Nordicom Review, vol. 1, n. 1, 1999. URL consultato il 31 dicembre 2014.
  5. ^ Karl Erik Gustafsson e Per Rydén, A History of the Press in Sweden (PDF), Gothenburg, Nordicom, 2010, ISBN 978-91-86523-08-4. URL consultato il 2 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2015).
  6. ^ Expressens historia, su Expressen. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  7. ^ (SV) Så kontaktar du GT, in Göteborgs-Tidningen. URL consultato il 25 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2009).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]