Esichio il Sinaita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Esichio il Sinaita (VII secoloVIII secolo) è stato uno ieromonaco ortodosso e teologo bizantino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Non si sa molto di Esichio, l'autore delle Centurie sulla sobrietà e la virtù[1]. Le più antiche fonti risalgono al XIII secolo; l'unico dato biografico è che sarebbe stato un egumeno del convento di Batos (roveto) sul monte Sinai. Si presume sia vissuto tra la fine del VII e gli inizi dell'VIII secolo in quanto nella sua opera vi sono riferimenti a San Giovanni Climaco (circa 575-650), a San Massimo il Confessore (580662) e al beato Marco l'eremita (prima metà del V secolo). Si tratta in ogni modo di un Esichio differente da Esichio di Gerusalemme, quest'ultimo vissuto nel V secolo: le citazioni bibliche di Esichio il Sinaita, ma non quelle di Esichio di Gerusalemme, sarebbero infatti in accordo con il Codex Sinaiticus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacques Paul Migne, Patrologia Graeca, 93, p. 1479-1544

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]