Elezioni generali in Spagna del 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni generali in Spagna del 2019
Stato Spagna Spagna
Data 28 aprile
Affluenza 75,78 % (Aumento 9,30 %)
Pedro Sánchez in 2018d.jpg Pablo Casado. 2018 (43183897892) (cropped).jpg Albert Rivera 2016a (cropped 2).jpg
Candidati Pedro Sánchez Pablo Casado Albert Rivera
Partito Partito Socialista
Operaio Spagnolo
Partito Popolare Ciudadanos
Voti 7.480.755
28,68 %
4.356.023
16,70 %
4.136.600
15,86 %
Seggi
123 / 350
66 / 350
57 / 350
Differenza % Aumento 6,05 Diminuzione 15,87 Aumento 2,68
Differenza seggi Aumento 38 Diminuzione 69 Aumento 25
2019 Spanish election - Results.svg
Presidente del Governo
-
Left arrow.svg 2016

Le elezioni generali in Spagna del 2019 si sono tenute il 28 aprile per l'elezione delle Corti Generali del Regno. Sono stati rinnovati tutti i 350 seggi del Congresso dei Deputati e 208 su 266 seggi del Senato.

A seguito delle elezioni generali del 2016, il Partito Popolare (PP) costituì un governo di minoranza con il sostegno esterno di Ciudadanos (Cs) e della Coalizione Canaria (CC), permesso dall'astensione del Partito Socialista Operaio Spagnolo (PSOE) durante l'investitura di Mariano Rajoy, dopo una crisi interna al PSOE che costò la carica di leader a Pedro Sánchez. Il mandato del PP fu minato dalla crisi costituzionale sulla Catalogna in conseguenza delle elezioni regionali catalane del 2017, insieme agli scandali di corruzione e alle proteste dei pensionati.

Nel maggio 2018 l'Audiencia Nacional dichiarò che il PP si era approfittato e aveva avallato l'esistenza di un sistema illegale di finanziamento fin dal 1989, tenendolo separato dai conti ufficiali del partito. Sánchez, che era stato rieletto leader del PSOE nel 2017, fece cadere il governo Rajoy nel giugno 2018 tramite un voto di sfiducia; Rajoy si dimise da leader del PP e fu succeduto in questa carica da Pablo Casado.

Guidando un governo di minoranza di 84 deputati, Pedro Sánchez lavorò per mantenere una maggioranza al Congresso con il sostegno dei partiti che avevano sostenuto la mozione di sfiducia. Le elezioni regionali in Andalusia del 2018, che videro il PSOE perdere il governo regionale per la prima volta nella storia, causarono la crescita del partito di ultra-destra Vox, e il risultato regionale si trasferì presto in una tendenza nazionale. Dopo la bocciatura della legge finanziaria da parte del Congresso dei Deputati il 13 febbraio 2019 per via della contrarietà della Sinistra Repubblicana di Catalogna e del Partito Democratico Europeo Catalano,[1] Sánchez indisse elezioni anticipate per il 28 aprile, circa un mese prima delle elezioni locali, regionali ed europee, previste per il 26 maggio.[2]

L'affluenza elettorale è stata in forte ascesa, attestandosi al 75,8%, e il Partito Socialista Operaio Spagnolo di Pedro Sánchez ha ottenuto la maggioranza relativa in entrambi i rami delle Corti, 123 seggi al Congresso dei deputati e 121 al Senato. Nessun partito ha raggiunto la maggioranza assoluta dei seggi. È inoltre aumentata la frammentazione politica, specie a destra, con il PP che ha dimezzato i seggi, Ciudadanos che ne ha guadagnati, e VOX che è entrato per la prima volta in parlamento con 24 deputati.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Congresso dei Deputati[modifica | modifica wikitesto]

Liste Voti % Seggi
Partito Socialista Operaio Spagnolo 7.480.755 28,69 123
Partito Popolare 4.356.023 16,70 66
Ciudadanos 4.136.600 15,86 57
Unidos Podemos (Podemos - IU - Equo) 3.118.191 11,95 35
Vox 2.677.173 10,26 24
Sinistra Repubblicana di Catalogna - Sovranisti 1.015.355 3,89 15
En Comú Podem (Podemos - ICV - EUiA) 614.738 2,36 7
Junts per Catalunya (PDeCAT) 497.638 1,91 7
Partito Nazionalista Basco 394.627 1,51 6
Partito Animalista Contro il Maltrattamento degli Animali 326.045 1,25 -
Euskal Herria Bildu (EA) 258.840 0,99 4
Coalizione Canaria - Partito Nazionalista Canario 137.196 0,53 2
Fronte Repubblicano 113.008 0,43 -
Navarra Suma (UPN - PP - C'S) 107.124 0,41 2
Compromís (Blocco Nazionalista Valenciano) 172.751 0,66 1
Blocco Nazionalista Galiziano 93.810 0,36 -
Partido Regionalista de Cantabria 52.197 0,20 1
Recortes Cero - Gruppo Verde 46.487 0,18 -
Nueva Canarias 36.193 0,14 -
PACT 30.448 0,12 -
Més per Menorca 25.384 0,10 -
Geroa Bai (Partito Nazionalista Basco) 22.150 0,08 -
Por un Mundo más Justo 21.711 0,08 -
En Marea 17.726 0,07 -
Altri <15.000 voti -
Totale 350
Voti in bianco -
Totale voti validi 100

Risultati per comunità autonoma[modifica | modifica wikitesto]

Comunità PSOE PP C'S UP Vox Altri (>5%)
Andalusia (ND) 34,23% 17,19% 17,70% 14,25% 13,38%
Aragona 31,73% 18,93% 20,54% 13,56% 12,20%
Canarie (ND) 27,85% 15,53% 14,66% 15,72% 6,55% CA-PNC: 12,96%
Cantabria 25,19% 21,71% 15,14% 10,22% 11,16% PRC: 14,59%
Castiglia-La Mancia 32,37% 22,69% 17,47% 10,15% 15,29%
Castiglia e León 29,78% 26,05% 18,90% 10,39% 12,30%
Catalogna 23,21% 4,85% 11,55% 14,89% 3,60% ERC: 24,59%
JxCat: 12,05%
Comunità di Madrid 27,28% 18,64% 20,93% 16,24% 13,86%
Navarra 25,75% N.D. N.D. 18,66% 4,83% UPN-PP-C'S: 29,32%
Eh Bildu: 12,77%
Geroa Bai: 6,06%
Comunità Valenciana 27,78% 18,58% 17,98% 14,23% 12,02% Bloc: 6,45%
Estremadura 38,08% 21,40% 17,96% 9,49% 10,77%
Galizia (ND) 32,13% 27,39% 11,18% 14,49% 5,27% BNG: 5,74%
Baleari 26,34% 16,84% 17,43% 17,82% 11,28%
La Rioja 31,70% 26,53% 17,81% 11,79% 8,98%
Paesi Baschi 19,89% 7,44% 3,14% 17,57% 2,21% EAJ-PNV: 31,05%
EH Bildu: 16,70%
Asturie 33,13% 17,91% 16,71% 17,15% 11,49%
Comunità di Murcia 24,75% 23,44% 19,54% 10,38% 18,64%
Ceuta 36,33% 21,44% 11,96% 4,81% 23,96%
Melilla 20,72% 23,91% 12,87% 3,82% 16,85% CPM: 20,72%

Senato[modifica | modifica wikitesto]

Liste Seggi
Partito Socialista Operaio Spagnolo 121
Partito Popolare 56
Sinistra Repubblicana di Catalogna - Sovranisti 11
Partito Nazionalista Basco 9
Ciudadanos 4
Navarra Suma (UPN) 3
PDeCAT 2
Euskal Herria Bildu (EA) 1
ASG 1
Totale 208

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Los independentistas tumban los Presupuestos y abocan a Sánchez a elecciones, El Periódico de Catalunya, 13 febbraio2019. URL consultato il 14 aprile 2019.
  2. ^ (ES) ¿Y ahora qué? Campaña electoral en Semana Santa y constitución de las Cortes antes de los comicios de mayo, RTVE, 15 febbraio 2019. URL consultato il 15 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]