Economia della scienza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Economia della scienza è un'espressione usata da vari filosofi, sociologi ed economisti in vari contesti, a volte con connotazione negativa.[1][2]

In analogia con espressioni come "economia dello sviluppo" o "economia del lavoro", l'economia della scienza analizza quindi sia l'aspetto della produzione della conoscenza scientifica, sia l'aspetto dello scambio e del consumo del bene prodotto. La disciplina è quindi strettamente legata ad altri campi di indagine, come l'economia dell'innovazione, l'economia della crescita e l'economia dell'educazione.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harding 1993
  2. ^ Mirowski 2004

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandra G. Harding (a cura di), The ‘Racial’ Economy of Science: Toward a Democratic Future, Bloomington, Indiana University Press, 1993.
  • Andrea Bonaccorsi, La scienza come impresa. Contributi alla analisi economica della scienza e dei sistemi nazionali di ricerca, Milano, Franco Angeli, 2000
  • Philip Mirowski, The Effortless Economy of Science?, Duke University Press, 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]