Druk tsendhen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

"Druk tsendhen" (Il Regno del Drago Tonante) è il titolo dell'inno nazionale bhutanese e si riferisce al nome con cui i Bhutanesi chiamano il loro Paese. La musica ricorda le musiche tipiche del Bhutan. Il compositore della musica, Aku Tongmi, studiò in India e divenne il primo direttore di banda dell'India. Dopo il suo ritorno in Bhutan, il Primo Ministro indiano visitò, nel 1953, il Bhutan e fu in quell'occasione che fu composto l'inno su commissione del Re del Bhutan. La melodia si basa sulla canzone popolare "thri nyampa med pa pemai thri" ("L'immutabile Trono del Loto"). È da notare che l'inno, unico nel mondo, è accompagnato da una coreografia. Le parole dell'inno sono di Gyaldun Dasho Thinley Dorji.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Testo originale in dzongkha[modifica | modifica wikitesto]

འབྲུག་ཙན་དན་བཀོད་པའི་རྒྱལ་ཁབ་ནང་
དཔལ་ལུགས་གཉིས་བསྟན་སྲིད་སྐྱོང་བའི་མགོན་
འབྲུག་རྒྱལ་པོ་མངའ་བདག་རིན་པོ་ཆེ་
སྐུ་འགྱུར་མེད་བརྟན་ཅིང་ཆབ་སྲིད་འཕེལ་
ཆོས་སངས་རྒྱས་བསྟན་པ་དར་ཞིང་རྒྱས་
འབངས་བདེ་སྐྱིད་ཉི་མ་ཤར་བར་ཤོག་

Druk dzénten gébái gaikáp na
Bái luknyík densí gyóngwai gin
Druk gaibó ngádak rinbócé
Gú gyurme dénjíng cáp sít pél
Cói sánggai dénbá darshing gail
Bang degít nyima shárwárshók!

[ɖṳ tsén.d̥e̤ŋ ké.pɛ̞́ː ǀ gɛ̞̤ː.kʰɑ́p̚ nɑ̤ ǀ]
[pɛ̞́ː lṳ.ɲí tén.sí ǀ cóːŋ.wɛ̞̤ː gi̤n ‖]
[ɖṳ gɛ̞̤ː.pó ŋɑ́.dɑ̤ ǀ ri̤m.pó.tɕʰé ǀ]
[kú ɟṳː.me̤ tén.tɕíːŋ ǀ tɕʰɑ́p̚ sí pʰé ‖]
[tɕʰǿː sɑ́ːŋ.gɛ̞̤ː tém.pɑ́ ǀ dɑ̤ː.ʑ̥i̤ːŋ gɛ̞̤ː ǀ]
[bɑ̤ːŋ de̤.kí ɲi̤.mɑ̤ ǀ ɕɑ́ː.wɑ̤ː.ɕó ‖]

Traduzione in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno del Drago del Tuono ornato di cipressi
Il protettore che custodisce gli Insegnamenti del sistema duale,
Egli, il Prezioso e Glorioso Sovrano, estende il suo dominio,
Mentre la sua persona immutabile rimane costante.
Poiché la dottrina del Signore Buddha prospera,
Possa il sole della pace e della felicità illuminare la popolazione!

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica dell'inno nazionale del Bhutan Archiviato il 1º dicembre 2012 in Internet Archive.

  Portale Bhutan: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Bhutan