Driven

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Driven
Driven.png
Sylvester Stallone in una scena del film
Titolo originale Driven
Lingua originale inglese, tedesco, spagnolo
Paese di produzione Stati Uniti d'America, Canada, Australia
Anno 2001
Durata 116 min
Rapporto 2.35 : 1
Genere azione, drammatico, sportivo
Regia Renny Harlin
Soggetto Jan Skrentny, Neal Tabachnick
Sceneggiatura Sylvester Stallone
Casa di produzione Trackform Film Productions, Champs Productions, Franchise Pictures
Fotografia Mauro Fiore
Montaggio Steve Gilson, Stuart Levy
Effetti speciali Renny Harlin
Musiche Brian Transeau
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Driven è un film del 2001 diretto da Renny Harlin, ambientato nelle corse americane della Champ Car, con protagonista Sylvester Stallone. La coppia Harlin-Stallone ha già lavorato insieme nel film Cliffhanger - L'ultima sfida.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Carl Henry, manager di una scuderia di Formula Cart, richiama il vecchio e ormai ex pilota Joe Tanto per affiancarlo alla sua prima guida Jimmy Bly e offrirgli sostegno nella lotta al titolo contro il rivale Beau Brandenburg. Joe Tanto torna quindi a correre, motivando in tutti i modi possibili il giovane Jimmy Bly. Ad alimentare la tensione tra Bly e Brandenburg c'è anche l'amore conteso per Sophia Simone, ex compagna di Beau nonché nuova fidanzata di Jimmy. La loro lotta senza respiro per tutto il campionato vedrà l'alternarsi dei due piloti fino alla decisiva gara finale, dove ci sarà gloria anche per il vecchio Tanto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

In due scene del film compaiono gli ex piloti di Formula 1 Jean Alesi, grande amico di Sylvester Stallone, e Mario Andretti. Nel film compaiono anche i piloti Juan Pablo Montoya, Kenny Bräck, Max Papis, Roberto Moreno, José Adrián Fernández Mier, Tony Kanaan e Jacques Villeneuve, ed il team manager Chip Ganassi; oltre ad essere menzionati i piloti Dario Franchitti, Christian Fittipaldi e Paul Tracy. Il personaggio del team manager Carl Henry è ispirato a Frank Williams, patron dell'omonima scuderia di F1. All'epoca della pre-produzione del film, infatti, Stallone è stato spesso ospite del team Williams F1. Nel primo trailer italiano Sylvester Stallone fu ancora doppiato da Ferruccio Amendola per poi essere sostituito successivamente da Massimo Corvo causa decesso dell'attore e doppiatore romano. È l'ultimo doppiaggio in assoluto effettuato da Ferruccio Amendola.

I colori del casco e della scuderia di Jimmy Bly e di Joe Tanto corrispondevano, nella realtà, a quelli di Mark Blundell e di Mauricio Gugelmin ai tempi della Motorola PacWest Racing Team. I colori del casco e della scuderia di Beau Brandenburg corrispondevano, nella realtà, a quelli di Juan Pablo Montoya ai tempi della Chip Ganassi Racing.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Razzie Awards 2001, imdb.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]