Dotto escretore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il dotto escretore è un canale di passaggio generalmente a struttura tubulare che permette il transito di secreti prodotti da una ghiandola. Le cellule che costituiscono la parete dei dotti sono epiteliali[1].

Anatomia microscopica[modifica | modifica sorgente]

Il dotto escretore di una ghiandola esocrina può avere diverse architetture:

  • Semplice;
  • Ramificata: un dotto escretore che drena più adenomeri;
  • Composta: il dotto escretore principale (collettore) si ramifica più volte dando luogo ad una struttura organizzata in lobi contenenti lobuli. I lobuli ed i lobi sono divisi da tessuto connettivo costituente lo stroma e contengono una parte interna di tessuto epiteliale ghiandolare detta parenchima. Un esempio di ghiandola composta (alveolare) sono le ghiandole mammarie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Definizione

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Anastasi et al., Trattato di anatomia umana, Napoli, Edi. Ermes, 2006.
  • Wheater, Istologia e anatomia microscopica, Milano, Ambrosiana, 2001.