Dizionario dei dialetti della Calabria meridionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dizionario dei dialetti della Calabria meridionale

Dizionario dei dialetti della Calabria meridionale di Giuseppe Antonio Martino e Ettore Alvaro è stato pubblicato dalla Casa Editrice Qualecultura di Vibo Valentia nel 2010 (1287 pagine).

Nato da un progetto del poeta vernacolare Ettore Alvaro che aveva raccolto centinaia di vocaboli, senza alcun rigore scientifico, attingendo a vocabolari locali della provincia di Reggio Calabria, è stato portato a termine, su incarico dell'Editore, da Giuseppe Antonio Martino che ha condotto una puntigliosa ricerca linguistica, durata circa un ventennio, su tutto il territorio della parte più estrema della penisola (Calabria ultra o Greca), prendendo le mosse dall'Atlante Linguistico Italo-Svizzero (le cui ricerche relative alla Calabria furono condotte dal patriarca della dialettologia calabrese, Gerhard Rohlfs, fin dagli anni venti del secolo scorso) e consultando gli studi di dialettologia più recenti come l'Atlante Linguistico Italiano di cui sono stati pubblicati soltanto i primi quattro volumi, tra il 1995 e il 1999. Il Dizionario dei dialetti della Calabria meridionale è considerato il più aggiornato tra i lavori che raccolgono i lessemi di quell'area dialettale, a sud della strozzatura Lamezia-Squillace, caratterizzata da fasci di isoglosse che la collegano ai dialetti di tipo “siciliano” e si avvale di un ampio saggio sui dialetti della Calabria meridionale del Prof. Paolo Martino, ordinario di glottologia e linguistica generale all'Università LUMSA di Roma.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]