Ditti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Ditti era il nome di uno dei figli di Magnete e di Cerebia (una Naiade), fratello di Polidette, famoso per essere stato il protettore di due personaggi quali Danae e Perseo.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Degno del suo nome (Ditti significa rete, infatti alcuni ritengono che in realtà fosse un pescatore) mentre si trovava sulle spiagge di Serifo (l'isola dove suo fratello regnava) trovò gallegiante un cofano e lo portò a riva, dentro ad esso vi erano Perseo con sua madre. Li portò a casa con sé e decise di allevare il figlio di Zeus, in seguito fu proprio grazie all'intervento di Perseo che pietrificò con la testa della Medusa il tiranno a mettere Ditti al trono al suo posto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierre Grimal, Enciclopedia della mitologia 2ª edizione, Brescia, Garzanti, 2005, ISBN 88-11-50482-1. Traduzione di Pier Antonio Borgheggiani
  • Luisa Biondetti, Dizionario di mitologia classica, Milano, Baldini&Castoldi, 1997, ISBN 978-88-8089-300-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca