Discussione:Masturbazione e religioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Acqua di rose?[modifica wikitesto]

Scusate, ma questa voce mi sembra un po' tanto diluita... a me risulta che la Chiesa condanni apertamente la masturbazione, mentre qui i riferimenti sono piuttosto annacquati e vaghi... non sarebbe il caso di esprimere più incisivamente l'opinione della Chiesa al riguardo? --Maquesta · Vuoi parlare con me? 12:54, 8 feb 2007 (CET)

Da controllare: coerenza incipit/titolo/voce e POV[modifica wikitesto]

Commento all'indicazione "da controllare". Voci come questa tendono ad avere un notevole bias verso il cattolicesimo: senza scomodare congiure clericali, siamo in Italia e quasi tutti (anche gli atei) conosciamo meglio questa realtà. Ne consegue però un certo POV nella struttura della voce (come se in una voce sulle favole io approfondissi in modo particolare Hans Christian Andersen perché mi sta simpatico, magari citando i Fratelli Grimm solo in un capoverso: darei l'impressione al lettore che, per qualche motivo, il primo sia molto più importante dei secondi). Il mio consiglio in tutti questi campi è preferire voci distinte per le varie religioni (masturbazione e Islam, masturbazione e cristianesimo (in generale), masturbazione e cattolicesimo), ovviamente con eventuali rimandi di approfondimento. Moongateclimber 11:24, 18 apr 2007 (CEST) .........SALVE; volevo dire che ho letto questa voce sulla masturbazione e l'impressione generale è che, nonostante la buona volontà, manchino le conoscenze specifiche sull'argomento.Molte cose sono giuste e mi riferisco alle informazioni più elementari, quelle più "popolari" per intendersi, ma altre rivelano una conoscenza insufficiente che rischia di banalizzare una questione così importante, ad esempio il racconto di "Onan" che non è una metafora del coito interrotto ma bensì una prova, tra le più imortanti, che la questione della sessualità in passato è stata affrontata seriamente grazie a scrupolose osservazioni da parte di chi non era in nessun caso soggetto alle svariate influenze della superstizione popolare. Per essere più chiari, bisogna innanzitutto sapere che l'antichissima pratica del "Suniat", oggi chiamata "circoncisione", fù introdotta per la prima volta da Mosè in persona; e Mosè giunse a questa invenzione poichè osservò personalmente che presso gli adolescenti si stava diffondendo, in maniera sempre crescente, la cattiva abitudine di non praticare più il cosiddetto "Abdest", pratica ancora più antica del tempo in cui visse Mosè che prevedeva una speciale pulizia tramite "abluzioni" delle proprie parti intime, ogni volta che ci si recava ad effettuare i prori bisogni. L'abbandono di questa ottima usanza produsse un effetto "collaterale" piuttosto sgradevole che tutt'oggi si verifica nel medesimo modo; e cioè, la mancata pulizia di quello che tra tutti è sicuramente "l'organo più importante", conduceva all'accumulo tra il frenulo e il prepuzio del pene di una sostanza oleosa che, come ogni sostanza che esiste, una volta prodotta comincia il suo inevitabile "processo involutivo di decomposizione", provocando quel famoso "prurito" a cui si accenna scherzosamente quando ci si sente particolarmente vogliosi. Com'è facile intuire, le vittime di questo fenomeno, in seguito allo stimolo sopracitato, prendevano a sfregarsi "istintivamente" a più non posso la parte irritata realizzando con gran stupore l'effetto piacevole (ma in nessun caso benefico) che si otteneva con questo procedimento. Molto spesso oggi la scoperta della masturbazione avviene nello stesso identico modo. Allora il grande Mosè per ovviare a questo fatto, che più che increscioso era da considerarsi a tutti gli effetti dannoso per un corretto sviluppo del "centro sessuale" di ogni individuo in via di formazione, escogitò quell'impareggiabile sistema a noi noto col nome di "Circoncisione". Grazie a questa tecnica infatti il pene veniva a trovarsi nelle condizioni ottimali per un'"autopulizia" tramite i contatti accidentali e la maggior ossigenazione che questo subiva dall'ambiente esterno,che permettevano l'evaporazione della sostanza tossica. Con l'introduzione del "Suniat" a quel tempo si registrò una forte diminuizione della masturbazione che ritornò a livelli regolari, ovvero l'esperienza si limitava realmente "solo ad una scoperta del proprio corpo". DERVISCH 8-7-2007 ore17.19 -ciao-

La circoncisione è una mutilazione genitale che non ha alcun senso, al di fuori del significato religioso e di (pochi)casi di problemi tipo fimosi etc. Ci si può pulire benissimo senza essere circoncisi, come fanno tutte le persone che hanno cura della propria igiene intima. Lo smegma, cioè l'accumulo di detriti al di sotto del prepuzio, non provoca alcun prurito e non ha alcun ruolo nel desiderio di masturbarsi, che non è scatenato da un "prurito", ma dal desiderio sessuale che è qualcosa di ben più complesso. Infine la tua affermazione che con l'introduzione della circoncisione diminuì la masturbazione:a)è del tutto priva di fonti; b)allude a un pregiudizio negativo sulla masturbazione, che ovviamente ha significati religiosi tuttora molto rilevanti. --Antiedipo 08:01, 9 lug 2007 (CEST)

..Antiedipo guarda che la circoncisione, è un fatto assodato, è nata per motivazioni igieniche oppure si può anche dire "religiose" ma bisogna specificare cosa si intende con religione; tutto nella religione, QUANDO NACQUE ED ERA NELLA SUA FORMA PURA, era dettato da una necessità e le conoscenze mediche erano molto specializzate, è inutile rifarsi a miti e leggende queste sono interpretazioni forzate che non tengono conto della concretezza del fenomeno; in passato le persone non erano un branco di imbecilli anzi, erano molto più pratici di oggi.. che credi che io sia un prete di perferia? pregiudizio negativo?? guarda che non è una questione politica, io quello che affermo lo baso su ricerche sperimentali e ti assicuro che di fonti circa il mio racconto ce ne sono eccome ..tu affermi che il desiderio di masturbarsi è scatenato dal desiderio sessuale. Ora, e il desiderio sessuale chi lo scatena, te lo sei mai domandato? Non penserai che un desiderio possa essere considerato una causa, vero? è un effetto anch'esso ed ogni pulsione nel corpo umano ha sempre una causa meccanica, come il desiderio di bere, di mangiare, ma mentre questi sono indispensabili non si può certo dire che "farsi le seghe" sia un complemento necessario allo sviluppo?! Ecco, questa è un affermazione priva di fondamento, nessuna prova o esperienza fisica ti potrebbe confermare un simile ragionamento; con un po' di onestà tutti possono riconoscere che la masturbazione è una "debolezza" e che nessuno si sente soddisfatto a masturbarsi, anzi in genere si prova quel tipico senso di colpa.. Te lo dice uno che si è piallato le mani, vai tranquillo. Ciccio, un tempo non c'era il bidè e ci si lavava ogni 30 febbraio!! DERVISCH, -progiocasta-ore 17.51 11/07/2007 COMUNQUE SIA, questo non era un attacco alla voce o a chi si è incaricato di curarla; non scordatevi che questa enciclopedia negli ultimi tempi è diventata "l'opinione di alcuni" contravvenendo al suo principio di "Libera".Si è creata una sorta di gerarchia che selezionerebbe le varie proposte senza alcuna reale garanzia sulla veridicità delle informazioni e senza alcun criterio scientifico, quale richiederebbe il compito enciclopedico. L'unica salvezza è rappresentata dallo "scontro" con i vari utenti tra i quali è possibile che vi siano persone che di certi argomenti se ne intendano seriamente( Io compreso ) dal momento che esiste una professione che si chiama "Ricercatore" e non tanto così, per hobby, ma di fatto e con tanto di retribuzione (un po' magra, ma vabè). Certo però che se cominciano a sorgere ORGOGLIO, PREGIUDIZIO, SUPERBIA,VANITà, MANIA DI GRANDEZZA, SINDROME DEL GENIO INCOMPRESO e affini, come si nota chiaramente dalle varie pagine(interminabili) di discussione, non sarà possibile che da tanto penare possa uscire un lavoro imparziale e pertinente ad una reale "osservazione della realtà" . Il rischio è la "Sagra delle opinioni malate di soggettivismo", sconnesse da una POSSIBILE oggettività ovvero il fine ultimo di un Enciclopedia. In fondo, che male c'è? che male c'è se qualcuno non se la sente di accettare passivamente ciò che contrasta pienamente non tanto la propria opinione, quanto la propria personalissima osservazione empirica di uno o più fatti? sarà caso mai un sintomo di progresso, giusto? O si è levata un' altissima commissione di saggi riunitasi guarda caso proprio in Wikipedia! sarebbe una coincidenza eccezziunale veramente, o perbacco! Lasciate possibilità di dialogo, lo so è faticoso, però è umano! è utile! grazie, Jean Jacque Rousseau ore 18.21 -dall'Aldilà- (senza tempo)

caro Dervish, il tuo contributo è a mio avviso arrogante e provocatorio; non so come altrimenti definire la posizione di chi si ritiene detentore della verità, in qualsivoglia materia - sia pure la masturbazione, o la religione, o quel che è - e nello stesso tempo, però, attacca wikipedia perchè sarebbe guidata da una commissione di saggi incompresi malati di soggettivismo (al contrario della oggettivissima scienza di cui tu ti ritieni illuminato portatore).
ecco, appunto, non facciamone una discussione interminabile: fai le tue modifiche alla voce, invece di star qui ad argomentare. Fra l'altro mi preme dirti che sei rimasto fra i pochi a considerare la masturbazione una debolezza, e sono francamente spiacente per te, per il fatto che la masturbazione non ti soddisfa. Ti assicuro che l'esperienza altrui, in materia, è molto diversa. --Antiedipo 18:51, 11 lug 2007 (CEST)

Proposta[modifica wikitesto]

Premesso che il titolo della voce mi pare fuorviante in quanto il termine rapporto induce a pensare ad una relazione di causa-effetto mi parrebbe maggiormente enciclopedico, nel senso di catalogazione e trasmissione delle informazioni, scorporare la voce in una serie di voci singole intitolate Posizione della religione cristiana sulla masturbazione, Posizione della religione ebraica sulla masturbazione, etc. Tutte le voci potrebbero essere poi linkate nella voce masturbazione ed i quelle della religione specifica. --Madaki 08:25, 9 lug 2007 (CEST)

Concordo, anche se io sarei più propenso a singole voci dedicate alle posizioni delle varie religioni in materia di sessualità, con sottosezioni dedicate a: 1)autoerotismo; 2)LGBT ; 3)sessualità pre ed extramatrimoniale ; 4)mutilazioni genitali ; 5)castità ; 6) contraccezione e procreazione; 7)forme di sessualità alternative ; 8)desiderio e piacere sessuale.--Antiedipo 12:07, 9 lug 2007 (CEST)

..ANTIEDIPO scusa ancora,e chi si ritiene detentore dell'ignoranza? ognuno a suo modo orienta i suoi sforzi per appurare una certa verità; anche tu hai le tue opinioni credenze etc.. e non sarò certo io a dirti "Ecco vedi, è arrivato quello che pensa d'aver Ragione". Era sicuramente una battuta, una provocazione .E come vedi mi son preso dell'arrogante delirante di onnipotenza convinto di essere Illuminato,solo perchè ti ho esposto le ragioni per cui a mio avviso certe informazioni, per quanto sensate possano apparire, sono in realtà false. Se dici che voglio solo avere ragione dimmi, chi vuole avere torto? Si sa che è difficile estirpare dall'opinione collettiva le assurdità che circolano riguardo ogni sorta di questione, ma non ci credo che desideri che siano passate in silenzio le affermazioni di chicchessia SU UN ENCICLOPEDIA LIBERA! ti è veramente tanto difficile riconoscere che chi ha una buona vita sessuale non sente il bisogno di fare il 5 contro uno? Solo POCHE PERSONE SONO IN GRADO DI RICONOSCERE LE PROPRIE DEBOLEZZE,vero, ma questa è piuttosto palese via.Tu vorresti assicurarmi che ci sono persone che si sentono più soddisfatte dalla masturbazione piuttosto che da un buon sesso? E sei anche spiacente per me se la masturbazione nn mi soddisfa, davvero? ti dispiace se ho trovato di meglio? non credo che tu lo dica veramente. Le esperienze che farai,te lo auguro sinceramente, ti daranno torto. E scusa ancora se ti ho nuovamente scomodato- grazie,DERVISCH ore 22.58 (sul pezzo) p.s. hai ragione ma non modifico se non c'è approvazione in discussione su un tema così delicato.Perchè vedi io sarei dell'avviso che la masturbazione è piuttosto un sintomo,lieve, del "disturbo della sessualità" un disturbo esteso oggi pressochè a tutto il genere umano, come un male storico contratto dalla civiltà; un fatto quindi integrato e radicato nella specie, un problema che ci interessa tutti da secoli.Come una buona parte di esperti in materia ritiene,anch'io credo che ogni fenomeno che si presenta come un necessario stratagemma del nostro complicato organismo per ovviare al "cattivo uso che ne facciamo" vada interpretato come una ruota di scorta, e non come un'evoluzione; e questo vale per la maggior parte dei casi.Succede però che quando un problema è esteso su vasta scala al punto da interessare ogni singolo individuo, questo appaia bensì come una conquista del tempo presente anzi che come una "discesa del livello d'essere ordinario" (discesa che peraltro costituisce un reale fattore di progresso nelle varie tappe del tempo).ALLORA, PER ESSERE VERAMENTE IMPARZIALI, SAREBBE NECESSARIO GIUDICARE IL TEMA DELLA MASTURBAZIONE SENZA PRENDERE SPUNTO ALCUNO DAL PROPRIO PERSONALISSIMO RAPPORTO CON TALE PRATICA, come invece risulta piuttosto evidente dalla redazione delle voci in materia. Io per primo, se dovessi piegarmi a un tale atteggiamento interiore, darei una descrizione del tipo:<< MASTURBAZIONE- pratica eccezionale scoperta anticamente da autentici inviati dall'alto per la gioia ed il bene di tutta l'umanità...>> giusto? -grazie-

Concordo con Madaki e Antiedipo MM (msg) 22:22, 22 lug 2007 (CEST)

Titolo[modifica wikitesto]

Il titolo sebrerebbe troppo vago e generalista. Non sarebbe meglio spostare a (ad esempio) Punti di vista delle religioni sulla masturbazione (con template {{torna a}} nella voce)? --Leoman3000 17:59, 22 set 2007 (CEST)

Riferimenti nella Bibbia?[modifica wikitesto]

L'articolo dice giustamente che la Bibbia non fa riferimento alla masturbazione, "tranne" che in Galati 5, dove la parola "impurità" vi farebbe riferimento. Mi chiedo: è un'interpretazione teologica (personale o meno)? Non mi sembra infatti che il termine greco tradotto con "impurità" abbia tra i suoi significati qualcosa di simile a "masturbazione".

Riferimenti nel vangelo?[modifica wikitesto]

Forse la mia interpretazione è sbagliata, ma nel vangelo secondo Matteo 5,30 c'è scritto testualmente:" E se la tua mano destra ti fa cadere in peccato, tagliala e gettala via da te; poichè è meglio per te che uno dei tuoi membri perisca, piuttosto che vada nella geenna(parola di origine ebraica che significa valle di Hinnom, luogo dove ardeva un fuoco perenne simbolo di punizione eterna) tutto il tuo corpo". Mi sembra proprio che il riferimento sia alla masturbazione.--Giuseppe Perri (msg) 18:57, 26 dic 2008 (CET)

No, non si riferisce alla Masturbazione. Si riferisce al peccato in generale.

Orientalism?[modifica wikitesto]

I removed the following sentence from the section on Islam: "La masturbazione (istimnā’), la pederastia, l'omosessualità e la zooerastia sono invece severamente condannate come pratiche innaturali." Firstly, what is the place of "pederastia etc" in an article on "masturbazione"? Secondly, how do we know that masturbazione is "severamente condannate come pratiche innaturali" in Islam? Do we have a reliable source for that? Where and when has taht been the case? Do people make masturbation in public? No cultural differences between countries? (As a Moslem I need to know the truth about this issue, it could affect me personally... :) Joking apart, I really do not understand this "passion" about Islam in some circles. Is it so difficult to tell things about "the other's religion" in a cold-blooded manner? On the other hand, what is the need for adding an Arabic (I guess) translation for "masturbazione"? Is it mentioned in the Coran? Not all Moslem societies use Arabic, not even as a language of religion. For example, in my own country, Turkey, we do not use (indeed we do not even know) the Arabic names of some very common religious concepts like the 5 daily prayers ("namaz" for us, "salat" in Arabic) or fasting ("oruç") etc. We simply use either Persian names (probably because we changed religion coming towards Anatolia, passing over Iran) or in cases pure Turkish, like in the case of "Şeker Bayramı" (Eid al Ramadhan). Please stop "inventing" and also leave aside the passion towards Islam; we Moslems are human beings like anybody else. Grazie. --E4024 (msg) 22:22, 1 mag 2020 (CEST)