Diore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella mitologia greca, Diore è il nome di alcune figure, che compaiono in diversi miti.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Diore l'Epeo[modifica | modifica wikitesto]

Diore era uno dei capi degli Epei che parteciparono alla guerra di Troia, era figlio di Amarinceo. Venne ucciso da Piroo, capo tracio.

Diore figlio di Eolo[modifica | modifica wikitesto]

Diore, uno dei figli di Eolo, il dio dei venti. S'innamorò perdutamente della sorella Polimela, allorché essa venne abbandonata da Ulisse, suo amante.

Diore di Troia[modifica | modifica wikitesto]

Diore, nobile troiano della stirpe di Priamo, e fratello di Amico, è menzionato in due episodi dell'Eneide. Nel libro V prende parte ai giochi funebri in onore di Anchise. Nel libro XII Virgilio narra la sua morte e quella del fratello. I due giovani seguono Enea e combattono contro i Rutuli di Turno per cercare di ottenere una nuova terra in cui vivere essendo Troia stata distrutta ad opera degli achei dopo un assedio durato dieci anni. Essi affrontano a cavallo Turno, il capo principale dei Rutuli, ma questi li uccide entrambi, colpendo Amico con la lancia, Diore con la spada; non contento, il re rutulo recide ad ambedue le teste, appendendole quindi al carro nemico, per consegnare la raccapricciante scena in mostra ai compagni dei due caduti in senso di disprezzo totale.

Interpretazione e realtà storica[modifica | modifica wikitesto]

La sorte di Amico e Diore ricorda quella di Ilioneo nell'Iliade.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Omero, Iliade, libro II, verso 622; libro IV, versi 517-526.
  • Partenio, Erotiche, 2.
  • Virgilio, Eneide, libro V, versi 296-297; libro XII, verso 509.

Traduzione delle fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosa Calzecchi Onesti, Omero. Iliade, seconda edizione, Torino, Einaudi, 1990, ISBN 978-88-06-17694-5. Traduzione di Rosa Calzecchi Onesti.
  • Rosa Calzecchi Onesti, Eneide, Testo a fronte, Torino, Einaudi, 1989, ISBN 88-06-11613-4.

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierre Grimal, Dizionario di mitologia, Parigi, Garzanti, 2005, ISBN 88-11-50482-1.
  • Angela Cerinotti, Miti dell'antica Grecia e di Roma Antica, Verona, Demetra, 1998, ISBN 978-88-440-0721-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]