Difensore d'ufficio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il difensore d'ufficio è una particolare figura prevista dagli ordinamenti giuridici per garantire il diritto alla difesa in un processo.

Qualora durante un procedimento giudiziario un imputato non possa o provveda a nominare un proprio difensore di fiducia oppure, sebbene avendolo fatto, ne rimanga privo per una qualsiasi ragione, l'autorità giudiziaria che procede provvede essa stessa a nominare un avvocato quale difensore per assistere l'imputato e garantire il suo diritto di difesa.

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il difensore d'ufficio deve essere un'avvocato iscritto in un albo professionale forense, ed è selezionato dal giudice sulla base di appositi elenchi specifici; a differenza del difensore di fiducia, il difensore d'ufficio che sia stato nominato ha l'obbligo di prestare il suo patrocinio e può essere sostituito da un nuovo difensore d'ufficio solo per giustificati motivi.[1] Secondo la sentenza della Corte costituzionale n. 106/2010, i pranticanti avvocati non possono essere più nomimati difensori d'ufficio.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Chiavario, Diritto penale processuale, UTET, 2015, pp. 258-269. ISBN 978-88-598-1396-5.
  2. ^ Praticanti avvocati vietata la difesa d'ufficio da diritto.it, 27 marzo 2018

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto