De fato (Minucio Felice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il De fato (o Contra mathematicos) è un'opera non pervenutaci scritta dall'autore cristiano Marco Minucio Felice. Di essa dà testimonianza san Girolamo[1]:

(LA)

«Minucius Felix, Romae insignis causidicus, scripsit dialogum Christiani et ethnici disputantium, qui Octavius inscribitur: sed et alius sub nomine eius fertur de Fato, vel contra mathematicos [...]»

(IT)

«Minucio Felice, insigne avvocato di Roma, scrisse un dialogo avvenuto tra cristiani e un pagano, intitolato Octavius: ma sotto il suo nome se ne tramanda anche un altro, il de Fato o contra mathematicos»

(San Girolamo, De viris illustribus)

Lo stesso Girolamo, tuttavia, dubitava dell'autenticità del dialogo per ragioni stilistiche, nonostante ammettesse che si trattasse, come l'Octavius, di un'opera composta da un uomo colto[2]. Ciononostante, il De fato vel contra mathematicos era stato promesso dallo stesso Minucio nell'ultima parte dell'Octavius.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ De viris illustribus, 58.
  2. ^ [...] qui cum sit et ipse diserti hominis, non mihi videtur cum superioris libri stilo convenire [...].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]