Cyrus Pitt Grosvenor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cyrus Pitt Grosvenor (Grafton, 18 ottobre 1792Albion, 11 febbraio 1879) è stato un religioso e inventore statunitense.

Pastore battista noto per le sue posizioni abolizioniste, una volta ritiratosi a vita privata, lavorò ad un famoso problema matematico e brevettò un sistema per impedire le esplosioni delle lampade.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cyrus Pitt Grosvenor nacque a Grafton, Massachusetts. Si laureò presso il Dartmouth College in 1815.[1] Fu pastore delle congregazioni di New Haven, Salem e Boston (1827–40) dal 1825 al 1834. Grosvenor fu uno dei capi del movimento abolizionista in Massachusetts e Connecticut, ed un esponente della Società americana contro la schiavitù (American Anti-Slavery Society). Il primo congresso della società contro la schiavitù della contea di Essex si tenne a casa sua.[2]

Grosvenor ed Elon Galusha erano, all'epoca, i due principali pastori battisti che si opponevano alla schiavitù. Grosvenor propose la fondazione del partito antischiavista Liberty Party.[3] Nel 1840 partecipò alla Convenzione abolizionista di Londra, dove venne incluso nel dipinto commerativo fatto da Benjamin Haydon, seppure il volto di Grosvenor sia messo in ombra da Galusha ed Henry Sterry. La delegazione dal Massachusetts includeva Galusha, George Bradburn, Lydia Maria Child, Harriet Martineau, William Lloyd Garrison, Wendell Phillips e Maria Weston Chapman. In quello stesso anno, Grosvenor pubblicò un libro in cui analizzava la pretesa di giustificare la schiavitù con la Bibbia.[4]

Grosvenor fu l'editore fondatore della rivista Baptist Anti-Slavery Correspondent, pubblicata per la prima volta nel febbraio del 1841 a Worcester, nello Stato del Massachusetts.[5]

Nel 1844, Grosvenor promosse la costituzione dell'American Missionary Society, la società missionaria americana. Fu deluso dal fatto che conduttori della chiesa battista fossero riluttanti ad espellere dalle chiese persone coinvolte nella schiavitù. Egli decise che occorreva una nuova organizzazione per prendere una posizione etica più forte.

Grosvenor sposò Sarah Warner dalla quale ebbe tre figli, ma di questi soltanto Sarah Caroline Grosvenor sopravvisse alla maggiore età. Sarah sposò il pastore battista Austin Harman nel 1852. Quando la famiglia Harman si trasferì nella Contea di Allegan, in Michigan, Grosvenor e la moglie li seguirono. Grosvenor aveva lasciato la cattedra universitaria lo stesso anno delle nozze della figlia. Nel 1856, Grosvenor perse sua moglie.[6]

Scienza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1867, Grosvenor chiese di brevettare una sua idea per impedire l'esplosione delle lampade, usando un serbatoio di nitrogeno.[7] L'anno dopo, Grosvenor pubblicò una ricerca di matematica sul problema della quadratura del cerchio. Trattasi di un antico problema che può essere formulato, semplificando, nei seguenti termini: "è possibile construire un quadrato con la stessa area di un dato cerchio utilizzando soltando un compasso ed una squadra?". Grosvenor descrisse un metodo in un opuscolo dal titolo The circle squared (il cerchio al quadrato), un metodo per determinare l'area di un cerchio al quadrato, che dava, come risultato, un valore per π (Pi) pari a 3.142135… (Pi è 3.14159…).

« Elevate al quadrato il diametro del cerchio; moltiplicate il quadrato per 2; estraete la radice quadrata del prodotto; dalla radice sottraete il diametro del cerchio; elevate il resto al quadrato; moltiplicate questo quadrato per quattro quinti; sottraete il quadrato dal diametro del cerchio.[8] »

Ciò produceva un piccolo, seppur reale, errore. Il successo del metodo fu misurato dal fatto che l'errore era solo 0.000543[8] Fu successivamente (nel 1882) dimostrato che non v'è alcun preciso metodo geometrico per la quadratura del cerchio.[9]

Grosvenor morì ad Albion, Michigan nel 1879 e fu sepolto nel cimitero di Riverside.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ledyard Bill, The History of Paxton Massachusetts, p. 111.
  2. ^ William Lloyd Garrison, A House Dividing Against Itself 1836–1840, reprint, Harvard University, 1971, p. 112.
  3. ^ Douglas M Strong, 'Perfectionist Politics: Abolitionism and the Religious Tensions of American Democracy, Syracuse, NY, Syracuse University Press, 2001, p. 111..
  4. ^ Cyrus Pitt Grosvenor, Slavery vs. the Bible: a correspondence between the General Conference of Maine, and the Presbytery of Tombecbee, Mississippi, Spooner & Howland, 1840, p. 158. URL consultato il 28 novembre 2010.
  5. ^ Grosvenor, Cyrus Pitt, Richard Fuller, and Elon Galusha.
  6. ^ Widow of Abolitionist in Taylor cemetery, Saugatuck-Douglas Historical Socienty. URL consultato il 28 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2011).
  7. ^ Cyrus P. Grosvenor (EN) United States Patent 71872, United States Patent and Trademark Office. "Improvement in the mode of preventing explosion of lamps", December 10, 1867
  8. ^ a b Lennart Berggren, Jonathan M. Borwein e Peter B. Borwein, Pi, a source book, 2004, p. 300. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  9. ^ Carl Louis Ferdinand von Lindemann, su The MacTutor History of Mathematics archive, St. Andrews University. URL consultato il 30 novembre 2010.
Controllo di autorità VIAF: (EN55667467 · LCCN: (ENn87809922