Cypher (breakdance)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un cypher che si svolge sull'asfalto del Bronx

Il cypher o cerchio è la modalità originale e principale in cui ballare break dance. Il cypher si forma quando dei b-boy si raccolgono in cerchio, possibilmente mentre un dj suona musica hip hop, e uno alla volta entrano all'interno per ballare breakdance. Nel cerchio ognuno è libero di ballare come e quando vuole, potendo anche ingaggiare una battle con uno o più b-boy.

Regole informali[modifica | modifica wikitesto]

Molto simile a una forma rituale, il cerchio rispettando la sua spontaneità e imprevedibilità, ha delle regole informali a cui tutti i b-boy devono necessariamente attenersi. Qui di seguito un elenco generale:

  • Nessun contatto fisico - Non è ammesso nessun tipo di contatto o violenza fra persone.
  • Un b-boy alla volta - All'interno del cerchio si balla uno alla volta, anche se il turno e il numero rimangono a discrezione di ogni partecipante.
  • Rispetto - Il buon senso deve prevalere su ogni forma di prevaricazione, accanimento, umiliazione o quant'altro possa invadere la sfera "personale" di un b-boy.
  • Ciò che accade nel cerchio rimane nel cerchio - Qualsiasi tipo di confronto e discussione, rimane necessariamente legato alla situazione espressiva e non deve trascinarsi nella vita personale al di fuori del cerchio. Detto questo, i motivi per cui scaturisce una sfida possono anche essere di natura personale o privata, ma non devono diventare un pretesto per continuare il confronto con la violenza o gli insulti dentro o fuori dal cerchio.
  • Parlare...ma non troppo - Seppur non sia vietato il confronto verbale durante una sfida o una sessione di ballo, i b-boy sono tenuti a non insultarsi gratuitamente, tenendo presente la regola del "rispetto" e il fatto che il valore di un b-boy si misura da ciò che fa e non da ciò che dice.
  • Attaccare...ma non solo - Durante una sfida sono permessi gesti che mimano un attacco (vedi la voce uprock e burn) verso l'avversario, i quali, come nel caso delle parole, non devono mai ridursi ai soli mezzi di confronto: pena la perdità di valore e credibilità di una sfida.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alien Ness, The Art of Battle - Undrestanding judged b-boy battle, 2008.
  • Bazin Huges, La Cultura Hip Hop, Besa, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]