Consulta municipale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In Italia la consulta municipale era l'organo collegiale che durante il fascismo affiancava il podestà. Era composta da almeno 6 consultori nominati dal prefetto o, nelle grandi città, direttamente dal Ministro dell'Interno. Aveva funzioni consultive su alcune materie indicate dalla legge e su tutte le altre questioni che il podestà avesse ritenuto di sottoporgli.

L'istituzione fu soppressa alla caduta della dittatura fascista il 25 luglio 1943 e non più ripristinata neanche dalla Repubblica Sociale Italiana.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 49084