Considerazioni sui Discorsi del Machiavelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Con le Considerazioni sui Discorsi del Machiavelli, Francesco Guicciardini contesta le opinioni espresse da Niccolò Machiavelli non limitandosi solo ai singoli momenti della trattazione ma a tutta la filosofia della storia su cui Machiavelli fondava il suo Classicismo. Guicciardini non considera la storia come "magistra vitae", convinzione questa di Machiavelli, ma è convinto che la storia non possa dare nessun aiuto all'uomo, il quale, trovandosi in un mondo dominato da una realtà relativa ed assolutamente frammentaria, può semplicemente servirsi della discrezione, e cioè scegliere volta per volta, caso per caso, la via più opportuna da intraprendere per interpretare un reale tanto variegato, dominato da "casi ed accidenti"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Opere inedite di Francesco Guicciardini, Firenze, Barbera, Bianchi e Comp., 1857: pagg. 1-79.
  • Scritti politici e ricordi, Roberto Palmarocchi (a cura di), pagg. 1-65 in Opere, vol. 7, Bari, Gius. Laterza & Comp., 1933.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura