Confitarma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Confitarma
Fondazione{{{Fondazione}}}

La Confederazione Italiana Armatori, conosciuta anche come Confitarma, è l'associazione di categoria dell'industria italiana della navigazione e raggruppa le imprese di navigazione e gruppi armatoriali italiani presenti nel settore del trasporto merci e passeggeri, delle crociere e dei servizi ausiliari del traffico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1901 col nome di Federazione Armatori Italiani - presidente Federico Vaccaro -, nel corso del tempo ha cambiato più volte ragione sociale, e ha vissuto un periodo turbolento dopo il 1960, quando gli armatori italiani si divisero prima in due, poi in tre associazioni di categoria. Soltanto nel 1976 si giunse alla riunificazione con l'Associazione Armatori Liberi di Genova presieduta da Glauco Lolli Ghetti e l'Associazione Armatori Meridionali di Napoli. Giuseppe Perasso diviene il direttore generale ed Ermanno Guani presidente.

Dirigenti[modifica | modifica wikitesto]

Questi i suoi dirigenti a partire da quell'anno.

Dall'ottobre del 2013 è Presidente di Confitarma l'armatore Emanuele Grimaldi.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Ha tra i suoi obiettivi quello di promuovere lo sviluppo della marina mercantile italiana, curando l'assistenza e la tutela degli interessi di tutte le imprese associate, rappresentandole di fronte alle autorità politiche, amministrative ed a qualsiasi organismo pubblico o privato di natura nazionale ed internazionale, stipulando accordi in ambito sindacale ed economico, nonché contratti collettivi di lavoro; rappresentando e tutelando i soci in questioni sindacali ed economiche di interesse generale e particolare; fornendo informazione e consulenza agli associati.

Soggetti rappresentati[modifica | modifica wikitesto]

Riunisce oltre 230 tra gruppi armatoriali, società di navigazione, imprese ed enti per un totale di 24.000 addetti (oltre 49.000, se si comprendono i comparti dell'indotto) e oltre 1.000 navi, pari al 94% del tonnellaggio della flotta mercantile italiana (il restante 5,5% appartiene a Tirrenia e lo 0,1% alle Ferrovie dello Stato)[1].

Aderisce inoltre alla Confindustria e alla Federtrasporto ed a numerose organizzazioni ed agenzie nazionali ed internazionali.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

È organizzata in forma di confederazione, con sede in Roma. Per il triennio 2010-2012 è stato eletto presidente dell'associazione l'armatore campano Paolo d'Amico[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Confitarma- sito ufficiale, su confitarma.it. URL consultato il 10 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2012).
  2. ^ Paolo d'Amico presidente di Confitarma Corriere della Sera 18/3/2010

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]