Codice di Ur-Nammu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I due frammenti del codice conservati al Museo archeologico di Istanbul

Il codice di Ur-Nammu è un'antica tavola contenente un codice di leggi, il più antico fino ad oggi conosciuto, redatto in lingua sumera verso il 2100-2050 a.C.

Sebbene il prologo attribuisca direttamente le leggi al sovrano Ur-Nammu della città di Ur (2112-2095 a.C.), diversi studiosi, sulla base soprattutto di indizi grammaticali, propendono tuttavia ad attribuire il codice al figlio di Ur-Nammu, Shulgi.

Il primo esemplare del codice fu rinvenuto in 2 frammenti a Nippur e poi tradotto da Samuel Kramer nel 1952. Lo stato di conservazione dell'esemplare non permette di leggere che il prologo e cinque leggi. Altre tavolette furono trovate a Ur e tradotte nel 1965, permettendo la ricostruzione di 40 leggi sulle 57 che compongono il testo. Un altro esemplare scoperto a Sippar contiene delle leggere varianti.

Il codice, oltre a prevedere le pene per diversi reati, stabilisce le misure standard di capacità e di peso.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Samuel Noah Kramer, History begins at Sumer, 1952
  • Claus Wilcke, Der Kodex Urnamma (CU): Versuch einer Rekonstruktion. 2002 ISBN 1575060612.
  • Martha T. Roth, Law Collections from Mesopotamia and Asia Minor. Writings from the Ancient World, vol. 6. Society of Biblical Literature, 1995 ISBN 0788501046.