Codice civile sabaudo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il codice civile sabaudo (o codice albertino) per il Regno di Sardegna fu promulgato da Carlo Alberto il 20 giugno 1837 ed entrò in vigore il 1º gennaio 1838.

Il codice comprendeva 2415 articoli suddivisi in tre libri, seguendo la tripartizione del Code Napoléon: persone; diritti reali; successioni e contratti.

Dopo l'Unità d'Italia, il codice civile sabaudo non fu automaticamente esteso a tutte le regioni italiane, dove, invece, rimanevano in vigore le legislazioni precedenti. Una legislazione uniforme per tutto il Regno d'Italia avvenne con il codice civile del 1865.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]