Codice Gregoriano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Codice Gregoriano
Titolo originaleCodex Gregorianus
AutoreAA.VV.
1ª ed. originale292
Genereraccolta di leggi
Lingua originalelatino

Il Codex Gregorianus (Codice Gregoriano) è una raccolta non ufficiale di costituzioni imperiali (in particolar modo di rescripta) compresi fra l'età adrianea (anche se il rescritto più antico pervenutoci è del 196) e quella dioclezianea, e databile intorno al 291-292. Non si sa chi sia stato il suo autore, e sulla base del nome della raccolta si è ipotizzato che esso sia stato un certo Gregorio o Gregoriano. L'opera, non pervenuta direttamente fino a noi, è strutturata in almeno quattordici libri, divisi in "titoli", e "rubriche". Si tratta di un modello strutturale che verrà utilizzato da tutte le successive raccolte di leges. L'opera è stata parzialmente ricostruita grazie alla Lex Romana Wisigothorum (che ne contiene un riassunto) e ad altre opere che ne contengono alcuni frammenti, come la Lex Romana Burgundionum, la Mosaicarum et Romanarum legum Collatio, e i Vaticana fragmenta.

Il testo delle costituzioni imperiali conteneva la inscriptio con il nome dell'imperatore emittente e del destinatario, e la subscriptio con il luogo e la data dell'emanazione del provvedimento.

Al pari del quasi coevo Codex Hermogenianus continuò a essere impiegato anche dopo l'emanazione del Codex Theodosianus, e fu impiegato dai compilatori del Novus Codex Iustinianus come fonte dalla quale attingere i più antichi rescritti (cfr. cost. Haec quae necessario)[non chiaro]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • PH.E. HUSCHKE, Ueber den ‘Gregorianus’ und ‘Hermogenianus Codex’, in Zeitschrift fuer Rechtsgeschichte, 6 (1867)
  • TH. MOMMSEN, Die Benennungen der Constitutionensammlungen, in Zeitschrift der Savigny Stiftung, R.A., 10 (1889), anche in Gesammelte Schriften, II, Berlin 1905

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]