Chiesa di Santa Maria di Piazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Santa Maria di Piazza
ChiesaSantaMariaDiPiazzaTorino.jpg
Facciata della chiesa, su Via Santa Maria
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàTorino
Coordinate45°04′19.24″N 7°40′43.07″E / 45.07201°N 7.67863°E45.07201; 7.67863
Religionecattolica
TitolareMaria, madre di Gesù
Arcidiocesi Torino
ArchitettoBernardo Antonio Vittone
Stile architettonicoBarocco e neoclassico (facciata)
Inizio costruzione1751
Completamento1752
Sito webSanta Maria di Piazza

La chiesa di Santa Maria di Piazza è un edificio di culto cattolico che si trova nella zona centrale di Torino, in via Santa Maria, non lontano da via Garibaldi. Nel 1910 è stata proclamata Monumento Nazionale; la chiesa gode del titolo di santuario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Capolavoro di Bernardo Antonio Vittone, la chiesa venne eretta tra il 1751 e il 1752; originariamente a pianta ellittica, venne integrata nel 1890 con due cappelle laterali che insieme al presbiterio danno luogo a una pianta a croce greca. A lavori ultimati, venne consacrata nel 1768 dall'arcivescovo di Torino Francesco Luserna Rorengo di Rorà. Durante il Settecento, la chiesa ospitò i Trinitari Scalzi, poi la Compagnia del Santissimo Viatico e la Compagnia del Sacro Cuore di Gesù. A inizio Ottocento vi fu accolta la Società San Vincenzo De Paoli.

Al 1830 risale la facciata, in stile neoclassico, opera di Barnaba Panizza.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Suggestivo l'interno illuminato dalla luce che piove dall'alta cupola centrale sospesa tra due semicupole oscure e dal presbiterio. Al primo altare a destra si trova il Battesimo di Gesù di Michele Antonio Milocco, all'altare maggiore Assunzione della Vergine di Pietro Francesco Guala e il primo altare a sinistra, appartenente all'Università dei Maestri Minusieri, Sacra Famiglia di Mattia Franceschini (1745-1754).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Touring Club Italiano, La Sindone e i percorsi del sacro a Torino e in Piemonte, Torino, 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]