Chasmatosuchus rossicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Chasmatosuchus)
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chasmatosuchus
Chasmatosuchus1DB.jpg
Ricostruzione ipotetica di Chasmatosuchus rossicus
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Ordine Archosauriformes
Sottordine Proterosuchia
Famiglia ? Proterosuchidae
Genere Chasmatosuchus
Specie C. rossicus

Il casmatosuco (Chasmatosuchus rossicus) è un rettile estinto, appartenente agli arcosauriformi. Visse nel Triassico inferiore (Olenekiano, circa 248 - 246 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Russia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I resti fossili di Chasmatosuchus sono molto frammentari e non permettono una ricostruzione dettagliata dell'animale, anche se dal raffronto con i fossili di altri animali simili (ad esempio Proterosuchus) è stato possibile ipotizzarne l'aspetto. È probabile che il corpo di questo animale fosse abbastanza simile a quello di un coccodrillo, con arti brevi posti ai lati del corpo e mascelle allungate. La lunghezza doveva aggirarsi intorno ai due metri. Le vertebre cervicali sono caratterizzate da costole a tre teste.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Chasmatosuchus rossicus venne descritto per la prima volta da Friedrich von Huene nel 1940, sulla base di due vertebre cervicali posteriori rinvenute nella zona di Vakhnevo (Vologda) in Russia. Lo studioso ritenne che questo animale fosse simile a Chasmatosaurus del Sudafrica (ora noto come Proterosuchus). Studi successivi, basati su altri resti isolati, indicarono che Chasmatosuchus potesse essere più vicino agli eritrosuchidi, un gruppo di arcosauriformi di grandi dimensioni e dalle caratteristiche morfologiche più avanzate rispetto a Proterosuchus (Ochev, 1978). Altri studiosi, invece, hanno confermato l'ipotesi di Huene, seppur con qualche dubbio (Charig e Sues, 1976; Sennikov, 1995). Altre specie attribuite a Chasmatosuchus (C. parvus, C. vjushkovi, C. magnus) sono basate su resti frammentari che si sono poi rivelati appartenere ad altri cladi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. v. Huene. 1940. Eine Reptilfauna aus der ältesten Trias Nordrußlands [A reptilian fauna from the earliest Triassic of northern Russia]. Neues Jahrbuch für Mineralogie, Geologie und Paläontologie, Beilagen-Band, Abteilung B 84:1-23
  • Ochev, V. G., 1961, Novyi tekodont iz triasa Orenburgskogo Priural'ya: Paleontologischeskii Zhurnal, n. 1, p. 161-162.
  • A. J. Charig and H.-D. Sues. 1976. Suborder Proterosuchia Broom 1906b. Handbuch der Paläoherpetologie 13:11-39
  • Ochev, V. G., 1978, On the morphology of Chasmatosuchus: Palaeontological Journal, v. 12, n. 2, p. 235-240.
  • Ochev, V. G., 1979, New early Triassic Archosaurian Reptiles from the east of the European Regions of the USSR: Palaeontological Journal, v. 13, n. 1, p. 97-102.
  • Sennikov, A. G., 1995, Early Thecodonts of Eastern Europe: Moscow: Nauka Publishers, 141pp.
  • D. J. Gower and A. G. Sennikov. 2000. Early Archosaurs from Russia. In M. J. Benton, M. A. Shishkin, D. M. Unwin & E. N. Kurochkin (eds.), The Age of Dinosaurs in Russia and Mongolia. Cambridge University Press, Cambridge 140-159
Paleontologia Portale Paleontologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di paleontologia