Caduta intelligente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La caduta intelligente, o intelligent falling, è una pseudo-teoria creata per parodiare la teoria del disegno intelligente e gli argomenti avanzati dai suoi sostenitori. I fautori del Disegno intelligente sostengono che l'evoluzione non sia spiegabile alla luce delle conoscenze attuali e debba quindi esserci una volontà alla base del processo evolutivo, appoggiando più o meno apertamente posizioni creazioniste. Simmetricamente, secondo la teoria della caduta intelligente, le leggi fisiche non sono sufficienti a spiegare la gravità, quindi deve esserci una volontà divina a causare la caduta degli oggetti e la teoria di Newton è "solo una teoria", parodia delle argomentazioni antievoluzionistiche.

Nascita, sviluppo ed uso della parodia[modifica | modifica wikitesto]

La teoria venne diffusa per la prima volta in una newsletter, il 14 giugno 2002, da "Jeff Stubbs"[1], che scrisse, parodiando affermazioni creazioniste: Non mi piace la teoria della gravità, mi sento insultato personalmente dal fatto che le strutture progettate dagli ingegneri considerino solo la massa fisica. E riguardo alle nostre anime? Propongo che le classi di scienze insegnino anche la teoria della "presa intelligente". Non c'è modo in cui una forza debole come la gravità possa tenere tutto fisso al pianeta. Dev'essere Dio, usando le nostre anime, a tenere tutto insieme.[2] "Ho pensato a ciò per un po' di tempo, e penso che sia il momento di discutere la mia teoria della caduta intelligente. Sono stato ispirato a mettere in discussione il dogma newtoniano sulla" gravità ", quando ho appreso che la scienza non può spiegare il movimento di tre cose in una sola volta. Certamente le leggi newtoniane possono spiegare il movimento di due cose, ma i "newtoniani" non possono spiegare il modo in cui un terzo oggetto che possa influire su questo movimento ".[3]

Questa teoria ebbe molta eco nell'ambito del pastafarianesimo, diventando una delle argomentazioni più usate contro la teoria del disegno intelligente, venendo usata come esempio su come sia possibile enunciare delle leggi naturali, basate su affermazioni fideistiche, quindi non testabili secondo la pratica del metodo scientifico[4], e sia come esempio paradossale sulla descrizione dei presunti danni alla comunità scientifica americana derivati dalla amministrazione Bush[5].

La rivista satirica statunitense The Onion, ha contribuito alla diffusione di questa parodia, con un articolo pubblicato nell'agosto 2005 intitolato Gli scienziati evangelici rifiutano la teoria della gravità per la teoria della 'Caduta intelligente (Evangelical Scientists Refute Gravity With New 'Intelligent Falling' Theory), inserito nella pagina della rubrica "Scienza e tecnologia"[6].

Riferimenti nella storia della Scienza[modifica | modifica wikitesto]

La teoria aristotelica che gli oggetti hanno un "luogo naturale", può essere vista come un precursore della caduta intelligente. In una lettera al reverendo Richard Bentley nel 1692, Isaac Newton scrisse: "Riguardo al tuo secondo quesito ti rispondo che i movimenti che i pianeti hanno ora non potrebbero scaturire da qualsiasi singola causa naturale, ma sono marcati da un agente intelligente"[7]. Questa frase, scritta dallo scopritore della legge sulla gravitazione universale, è citata da Stephen C. Meyer, sostenitore del Disegno intelligente e direttore del Discovery Institute, in The Scientific Status of Intelligent Design[8], con questa affermazione: "Famosa postulazione di Newton dello speciale intervento divino per stabilizzare il moto orbitale nel sistema solare" mentre lo scienziato sviluppava le sue argomentazioni delle equivalenza metodologica delle teorie naturalistiche e non naturalistiche (ossia soprannaturali) teorie"[9]. Questa posizione, in riferimento agli scritti di Newton, viene indicata come quella della "caduta intelligente" in un contesto di esame di un revival della metafisica aristotelica nel contesto moderno di filosofia della scienza [10].

Charles Darwin, nei suo "Abbozzo" del 1842[11], in cui iniziava a delineare gli argomenti a favore di una comune origine delle specie viventi contro la dottrina dell'origine distinta e separate di tutte le specie retoricamente si chiedeva: "Cosa dovrebbe insegnare l'astronomo che i pianeti non si muovono in base alla legge di gravitazione, ma per aver voluto il Creatore ciascun pianeta muoversi in sua particolare orbita?"[12].

Nel 1925, il reverendo William Asbury Williams scrisse, in un libro dal titolo "L'evoluzione dell'uomo scientificamente smentita, in 50 argomentazioni" (The Evolution of Man Scientifically Disproved, In 50 Arguments[13]) : Il potere di attrazione, che si potrebbe definire come proprietà della materia, è in realtà la potenza di Dio ... Gli effetti sono il risultato di potere e di intelligenza ... La gravitazione richiede la risoluzione di innumerevoli milioni dei più complessi e difficili problemi in ogni istante, da parte della mente divina ...Queste innumerevoli calcoli dimostrano che Dio è ovunque. Siamo continuamente nelle immediata straordinaria presenza di un Dio infinito.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Google Groups
  2. ^ I don't like the theory of gravity, I feel personally insulted that engineers design structures only considering physical mass. What about our souls? I propose that science classes also teach the theory of "Intelligent Grappling". There's no way a weak force such as gravity can possibly hold everything onto the planet. It must be God, using our souls, to hold everything together."
  3. ^ " I've been thinking about this for a while, and I think it's time to discuss my theory of intelligent falling. I was inspired to question the Newtonist dogma on "gravity" when I learned that science cannot explain the movement of three things at once] . Sure, Newton's "laws" can explain how two things move, but Newtonists can't explain how a third object would affect that movement. "
  4. ^ Rob DeSalle, Ian Tattersall, 2008, pag 20 online
  5. ^ Seth Shulman, 2008, p.143 online
  6. ^ Evangelical Scientists Refute Gravity With New 'Intelligent Falling' Theory The Onion, 25 agosto 2005 Archiviato il 7 agosto 2009 in Internet Archive.
  7. ^ "To your second query I answer that the motions which the planets now have could not spring from any natural cause alone but were impressed by an intelligent agent."
  8. ^ The Scientific Status of Intelligent Design:The Methodological Equivalence of Naturalistic and Non-Naturalistic Origins Theories Stephen C. Meyer
  9. ^ "Newton's famous postulation of special divine intervention to stabilize the orbital motion in the solar system" in developing his argument of the methodological equivalence of naturalistic and non-naturalistic (ie supernatural) theories."
  10. ^ vedi pag 224 in John Lamont in Fall and Rise of Aristotelian Metaphiysic in the Philosophy of Science incluso in Michael R. Matthews (2009)
  11. ^ Darwin's essay of 1842, part II., su pages.britishlibrary.net. URL consultato il 12 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2006).
  12. ^ What would the Astronomer say to the doctrine that the planets moved (not) according to the law of gravitation, but from the Creator having willed each separate planet to move in its particular orbit?
  13. ^ Gutenberg Etext
  14. ^ The power of attraction, which we may call a property of matter, is really the power of God. The effects are the results of power and intelligence..... Gravitation requires the computation of countless millions of the most complex and difficult problems, every instant, by the divine mind.... These innumerable calculations prove that God is everywhere. We are continually in the immediate awesome presence of an Infinite God.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rob DeSalle, Ian Tattersall, Uman origins: what bones and genomes tell us about ourselves, Texas A&M University Press, 2008, ISBN 1-58544-567-3
  • Seth Shulman, Undermining Science: Suppression and Distortion in the Bush Administration, University of California Press, 2008, ISBN 0-520-25626-3
  • Michael R. Matthews, Science, Worldviews and Education: Reprinted from the Journal Science & Education, Springer Science & Business Media, 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Laicismo Portale Laicismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di laicismo