Braccio di ferro (sport)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il braccio di ferro è una disciplina sportiva che coinvolge due contendenti. Gli sfidanti si posizionano ai lati opporti di un tavolo, poggiando un gomito sul tavolo e afferrando la mano, sollevata, dell'avversario. La vittoria si ottiene spingendo la mano dell'avversario contro il tavolo, senza sollevare il proprio gomito. In questa disciplina, si utilizzano muscoli e tendini che solitamente non vengono utilizzati in altri movimenti, pertanto l'allenamento specifico ha un notevole impatto sulla performance.

L'uso corretto[modifica | modifica wikitesto]

Un incontro di braccio di ferro.

Il braccio di ferro agonistico si pratica su un apposito tavolo che deve essere regolamentare ed approvato dalla Federazione rispettando determinate dimensioni. I due contendenti, posizionati dalla parte opposta, poggiano i gomiti su un apposito cuscinetto e si afferrano le mani, utilizzando nel contempo, con la mano libera, un apposito piolo posto lateralmente.

Gli atleti devono rispettare alcune regole che riguardano sia le posizioni di gioco che la sicurezza, proteggendo gli atleti dal rischio di fratture ossee, danni ai tendini o ai muscoli durante un incontro[1]. Alla partenza gli avversari devono tenere le mani ben serrate e gli avambracci perpendicolari al centro del tavolo. I gomiti devono poggiare sul cuscinetto, le spalle parallele alla linea del tavolo, e l'altra mano sul piolo. In particolare, il dorso della mano deve essere perpendicolare al tavolo.

Dopo il "Ready, go!" dell'arbitro, i contendenti devono cercare di abbassare la mano dell'avversario al di sotto di un livello prestabilito. In pratica, la gara è vinta quando il dorso o le dita della mano arrivano sotto il livello del cuscinetto laterale. Talvolta la vittoria si ottiene con scatti seguiti da momenti di apparente immobilità. Durante la gara l'arbitro deve verificare che all'interno dei gomiti vi sia lo spazio di un pugno e che gli avversari non alzino i gomiti dagli appoggi. È consentito piegare il polso ed è anche consentito fare forza con il peso del corpo (Come infatti previsto da alcune tecniche, tra cui il gancio e il press). Appositi cuscini inclinati evitano torsioni troppo pericolose per la spalla e l'omero.

La violazione di alcuni aspetti del regolamento comporta un fallo, cioè una sanzione comminata dall'arbitro. Nelle gare ufficiali, un fallo solo è tollerato, mentre due falli consecutivi nello stesso incontro comportano la sconfitta di chi li compie[1].

Le tecniche di tiro sono illustrate sul sito della Federazione.

La Federazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Regolamento SBFI, bracciodiferroitalia.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]