Blocco (football americano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie di blocchi effettuati dagli offensive linemen per facilitare la corsa di Melvin Gordon

Nel football americano, il blocco è un'azione di gioco usata dalla squadra in attacco per impedire ai difensori avversari di avvicinarsi al quarterback o per impedire che il portatore di palla venga placcato durante la sua corsa.[1] I principali bloccatori di una squadra sono gli offensive linemen, i quali, posizionati sulla linea di scrimmage, tendono a spingere lontano i difensori avversari ostacolandone i tentativi di sack o di tackle. Altri giocatori comunemente chiamati ad effettuare dei blocchi sono i fullback e i tight end.

Il blocco consiste essenzialmente in una spinta effettuata con le mani o le braccia, mentre è proibito trattenere o placcare l'avversario; è altresì proibito bloccare un avversario da dietro (clipping).

Una particolare tecnica di blocco consiste nel cosiddetto pancake, realizzato spingendo a terra l'avversario tramite rotazione dei fianchi e accompagnandolo nella caduta impedendogli così di interferire con lo sviluppo del gioco "schiacciandolo" sotto il proprio peso.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Clive Gifford, American Football, Evans Brothers, 2009, p. 21, ISBN 0237538334.
  2. ^ (EN) Nikola Davidovic, Drills: How to Perform a Pancake Block in Football, su touchdown-europe.net. URL consultato il 5 giugno 2015.
Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport