Bici fantasma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bici fantasma con fiori e foto della vittima, Londra.

Le bici fantasma (in inglese: ghost bikes) sono installazioni a carattere commemorativo site nei luoghi teatro di incidenti stradali nei quali un ciclista ha perso la vita[1]. Trattasi di biciclette, spesse volte proprio la bicicletta su cui pedalava la vittima, interamente verniciate di bianco, spesso accompagnate da fiori e targhette recanti il nome della vittima o altre diciture, poste nei luoghi degli incidenti col duplice significato di tributo in memoria della vittima[2] e di monito per gli utenti della strada[3] e le amministrazioni.

Questa abitudine, nata negli U.S.A., si è rapidamente diffusa anche in Europa, fino a venir adottata anche da gruppi pro-bici in Italia, come le Masse Critiche, e soprattutto dagli attivisti di Salvaiciclisti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le bici fantasma per fermare la strage, sito web de La Repubblica. URL consultato il 3 maggio 2018.
  2. ^ federico Berni, «Ghost bike» con i versi di Neruda per il 16enne travolto e ucciso in bici, sito web del Corriere della Sera, Milano, 11 maggio 2015. URL consultato il 3 maggio 2018.
  3. ^ (EN) Ghost Bikes, su ghostbikes.org. URL consultato il 3 maggio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti