Basiletto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il basiletto è la lingua meno elevata all'interno di un sistema sociale e culturale.

Un esempio tipico di basiletto è rappresentato dalle lingue romanze: in epoca medievale infatti esse venivano usate per la comunicazione giornaliera ed a scopi prevalentemente pratici, mentre il latino era la lingua della cultura, della Chiesa e veniva adoperato nei contesti più prestigiosi: aveva quindi funzione di acroletto.

Analogamente in Italia i dialetti, che la linguistica moderna considera lingue, svolgono tuttora il ruolo di basiletti, in quanto sono utilizzati per lo più verbalmente ed anzi la maggior parte dei parlanti non è in grado di leggerli e scriverli.

Generalmente i basiletti non sono nemmeno insegnati nelle scuole, o tutt'al più nelle scuole elementari. Spesso, cioè, lo status di basiletto è frutto di scelte politiche ed ecclesiastiche.

In moltissime comunità del mondo è possibile assistere a situazioni di diglossia, ossia alla presenza di più lingue.

Spesso queste lingue vengono usate in contesti e con funzioni differenti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica