Bartolomeo Malipiero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bartolomeo Malipiero
vescovo della Chiesa cattolica
Coa rel ITA vesc malipiero.jpg
Incarichi ricoperti Vescovo di Brescia
Nato  ?, Padova
Consacrato vescovo 1457
Deceduto 1464, Brescia

Bartolomeo Malipiero (Padova, ... – Brescia, 4 novembre 1464) è stato un vescovo cattolico italiano.

Di origine veneta divenne vescovo di Brescia nel 1457. Durante la sua reggenza, nel 1462, sappiamo che rinunciò ai suoi diritti feudali sulla città di Pisogne in cambio della proprietà di Bagnolo Mella riservandosi la torre cittadina detta "Pegol", che si erge sulla piazza del mercato e che solo nell'800 fu acquistata dal Comune dalla diocesi bresciana

Morì a Brescia, in conseguenza del morso di un suo cagnolino idrofobo, il 4 novembre 1464.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

  • D'argento al semivolo rivoltato di nero, completo del suo artiglio[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Augusto Monti Della Corte, Armerista bresciano, camuno, benacense e di Valsabbia, Brescia, Tipolitografia Geroldi, 1974, p. 263.
Predecessore Vescovo di Brescia Successore BishopCoA PioM.svg
Pietro de Monte febbraio 1457 - 4 novembre 1464 Domenico de Dominici
Controllo di autorità VIAF: (EN57681236 · GND: (DE129041270