Baia di Lazarev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Baia di Lazarev
Stato Antartide Antartide
Territorio Terra di Graham
Regione Isola Alessandro I
Coordinate 69°20′S 72°00′W / 69.333334°S 72°W-69.333334; -72Coordinate: 69°20′S 72°00′W / 69.333334°S 72°W-69.333334; -72
Dimensioni
Lunghezza 28 km
Larghezza 24 km
Mappa di localizzazione: Antartide
Baia di Lazarev
Baia di Lazarev

La baia di Lazarev è una baia lunga circa 28 km e larga 24, che separa l'isola Alessandro I, a est, dall'isola Rothschild, a ovest, ed è delimitata a sud dalla piattaforma glaciale Wilkins, la quale collega una porzione della costa orientale dell'isola Rothschild a una parte della costa occidentale dell'isola Alessandro I. Nella baia sono presenti due piccole isole, l'isola Dint e l'isola Umber, le cui coste sono completamente circondate dal ghiaccio della soppracitata piattaforma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La baia di Lazarev è stata mappata nel 1960 da D. Searle, cartografo del British Antarctic Survey (al tempo ancora chiamato "Falkland Islands Dependencies Survey", FIDS), sulla base di fotografie aeree scattate durante la spedizione antartica di ricerca comandata da Finn Rønne, svoltasi nel 1947-48, ed è stata così battezzata dal Comitato britannico per i toponimi antartici in onore del tenente Mikhail Petrovich Lazarev, secondo in comando della spedizione russa comandata da Fabian Gottlieb von Bellingshausen, durante la quale, nel 1821, fu per la prima volta avvistata da grande distanza la costa settentrionale dell'isola Alessandro I, e comandante dello sloop-of-war Mirnyy.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]