Búðir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Budir
località
Búðir
Budir – Veduta
Localizzazione
StatoIslanda Islanda
RegioneVesturland
ConteaSnæfellsnes-og Hnappadalssýsla
ComuneSnæfellsbær
Territorio
Coordinate64°49′14.56″N 23°23′10.79″W / 64.82071°N 23.38633°W64.82071; -23.38633 (Budir)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Islanda
Budir
Budir

Búðir (traslitterato Budir) è un piccolo borgo che si trova nei pressi dei campi di lava di Búðahraun a Staðarsveit, nell'Islanda occidentale, sulla punta più occidentale della penisola di Snæfellsnes, dove il Hraunhafnará scende verso il mare (l'antico nome originale di Budir era proprio Hraunhöfn).

Il villaggio appartiene amministrativamente a Snæfellsbær, un comune che ha il suo centro amministrativo nella città di Ólafsvík.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente Búðir è costituito solo da un gruppo di vecchi edifici, il ristorante popolare e Hotel Búðir e una piccola chiesa. L'edificio originale dell' Hótel Búðir è stato distrutto da un incendio il 21 febbraio 2001; è stato completamente riedificato in modo tale che l'edificio oggi esistente è simile a quello antico e ben inserito nel contesto originario di vecchie abitazioni in un ambiente naturale.

Si ritiene che navi commerciali e pescherecci siano approdati a Búðir sin da quando i primi abitatori dell'Islanda aprirono una rotta attraverso l'oceano; l'attività commerciale nel luogo iniziò dunque molto presto nella storia documentata. Inizialmente la funzione principale di Búðir era di fungere da hub commerciale per Snæfellsnes e la circostante regione della costa occidentale, durante un lungo periodo di monopolio commerciale danese. Oggi il piccolo insediamento di Búðir insieme all'Hótel Búðir è un centro di attrazione a Snæfellsnes per i turisti e le attività collegate al turismo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Þorsteinn Jósepsson, Steindór Steindórsson, Páll Líndal, Landið þitt Ísland, HK, Örn og Örlygur, 1982.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150269585 · LCCN (ENn97078519