Attività motoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) definisce attività motoria (o attività fisica) qualsiasi movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici[1] che richiede un dispendio energetico superiore a quello in condizioni di riposo.

In questa definizione rientrano quindi, non solo le attività sportive, ma anche l'attività lavorativa di coloro che svolgono un lavoro manuale e normali movimenti della vita quotidiana, come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e i lavori domestici.

L'attività motoria non va confusa con lo sport.[2]

Il Piano d'azione globale dell'OMS per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili 2013-2020[3] prevede che gli stati membri adottino e attuino "Linee guida nazionali sull’attività fisica per la salute".

L'Italia si è quindi dotata delle prime "linee di indirizzo sull’attività fisica perle differenti fasce d’età e con riferimento a situazioni fisiologiche e fisiopatologiche e a sottogruppi specifici di popolazione" redatte da un Tavolo di lavoro istituito presso la Direzione generale della Prevenzione sanitaria e approvate in Conferenza Stato-regioni il 7 marzo 2019.[4]

L'attività motoria viene spesso suddivisa in moderata o intensa, dove l'intensità fa riferimento al ritmo con cui l'attività stessa viene svolta. L'intensità delle diverse forme di attività motoria varia da persona a persona: a seconda dello specifico livello individuale di forma fisica, camminare velocemente, ballare o svolgere lavori domestici possono essere considerati esempi di attività motoria moderata, mentre correre, pedalare e nuotare velocemente o spostare carichi pesanti sono possibili esempi di attività motoria intensa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kent M., The Oxford Dictionary of Sports Science & Medicine, Volume 10, Oxford University Press, 2006.
  2. ^ Raccomandazioni globali dell’OMS sull’attività fisica per la salute (PDF), su salute.gov.it. URL consultato il 18 marzo 2020.
  3. ^ Piano d'azione globale dell'OMS per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili 2013-2020 (PDF), su salute.gov.it. URL consultato il 18 marzo 2020.
  4. ^ Linee di indirizzo sull’attività fisica perle differenti fasce d’età e con riferimento a situazioni fisiologiche e fisiopatologiche e a sottogruppi specifici di popolazione (PDF), su salute.gov.it. URL consultato il 18 marzo 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]