Attenuazione di spazio libero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In ingegneria delle telecomunicazioni, l'attenuazione di spazio libero (FSPL, free-space path loss) è l'attenuazione della potenza di un segnale elettromagnetico risultante da un percorso in linea di vista attraverso lo spazio libero (di solito l'aria), senza incontrare ostacoli che possano causare riflessioni o diffrazioni.

Formula base[modifica | modifica wikitesto]

Se non si tiene conto di fattori quali i guadagni delle antenne trasmittenti e riceventi, la formula base dell'attenuazione di spazio libero è:[1]

dove

  • è la lunghezza d'onda del segnale (in metri),
  • è la frequenza del segnale (in hertz),
  • è la distanza fra le due antenne (in metri),
  • è la velocità della luce nel vuoto, 2.99792458 × 108 metri al secondo.

Volendo esprimere la formula in decibel:

Per le classiche applicazioni radio, è molto comune misurare in GHz e in km, per cui l'attenuazione diventa:

Per in metri e kilohertz, rispettivamente, la costante diventa .
Per in metri e megahertz, rispettivamente, la costante diventa .
Per in kilometri e megahertz, rispettivamente, la costante diventa .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Falaschi, cap. 15.3, in Elementi di trasmissione dei segnali e sistemi di telecomunicazione, Roma, Sapienza - Università di Roma, ottobre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]