Koteka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Astuccio penico)
Souvenir di una koteka

La koteka (nota anche come astuccio penico o coprifallo) è un indumento - ottenuto essiccando e svuotando una zucca o zucchina (perlopiù appartenente alla specie Lagenaria siceraria) di forma adatta o appositamente adattata - in cui viene inserito, celandolo così alla vista, il membro virile.

Il suo uso è attestato in diverse parti del mondo, dall'Africa subtropicale al Nordamerica, ma è diffuso soprattutto presso diversi gruppi etnici (tra cui Dani, Lani, Moni, Mee, 'Nggem, Yali, Walaak, Baruya) delle zone montuose della Nuova Guinea - sia dell'Irian Jaya che della Papua Nuova Guinea - dove gli uomini la indossano tenuta eretta da un filo di rotang (palma tropicale), a sua volta legato a una cintura all'altezza del pube.

Vi sono vari tipi di koteka: a seconda dell'uso (caccia, danza, occasioni mondane, ecc.) e delle tribù, l'astuccio penico assume forme e dimensioni diverse. La foggia, ma soprattutto la dimensione, dell'oggetto fungono inoltre da "marcatore sociale", indicando il rango del portatore[senza fonte]. La koteka non indossata viene talvolta utilizzata anche come semplice contenitore, ad esempio per il tabacco.

Astuccio penico Dani indossato

L'inequivocabile valenza simbolica dell'oggetto richiama fertilità e prosperità, ma anche - almeno nel caso di etnie "fallocratiche" come i Baruya - dominazione maschile; tuttavia, i membri di diversi gruppi etnici che ne fanno uso affermano di indossarlo soltanto per coprirsi, senza attribuirgli particolari connotazioni sociali o sessuali. Secondo altri, la koteka servirebbe a proteggere il membro - e quindi la fecondità - dell'uomo che la indossa dagli spiriti maligni[senza fonte].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda