Assiomi della comunicazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gli assiomi della comunicazione definiti da Paul Watzlawick e dagli altri studiosi della scuola di Palo Alto (California) sono proprietà tipiche delle comunicazione che hanno essenziali implicazioni relazionali. Queste leggi, che hanno modificato in modo radicale la psicologia contemporanea[1], sono:

  • 1° assioma - Non si può non comunicare. Non esiste un qualcosa che sia un non-comportamento. Le parole, il silenzio o l'attività hanno valore di messaggio, influenzano gli altri e gli altri a loro volta rispondono a tale comunicazione.
  • 2° assioma - Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione. All'interno di un messaggio esiste un aspetto di notizia, che comprende le informazioni date e un aspetto di relazione che riguarda invece le modalità con cui viene espressa la comunicazione (coerente, ambigua).
  • 3° assioma - La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze di comunicazione tra i comunicanti. Durante la comunicazione si produce una punteggiatura della sequenza di eventi; un modo diverso di punteggiare la sequenza produce un conflitto perché ogni parlante interpreta il proprio comportamento come conseguenza del comportamento dell'altro e mai come causa. Questo tipo di problema si può risolvere attraverso la metacomunicazione, in cui si parla della relazione e non dei contenuti degli scambi comunicati.
  • 4° assioma - La comunicazione umana è composta da codici analogici e digitali, corrispondendo i primi prevalentemente ad aspetti relazionali e i secondi ad aspetti di contenuto. La comunicazione analogica rappresenta ogni comunicazione non verbale (anche le posizioni del corpo, le espressioni del viso, i gesti) ed è necessaria per veicolare e definire la relazione, mentre il linguaggio numerico costituito dalle parole, che servono a scambiare informazioni e trasmettere la conoscenza, è adatto a veicolare il contenuto. L'uomo ha la necessità di cambiare di continuo i due moduli.
  • 5° assioma - Tutti gli scambi di comunicazione sono simmetrici o complementari, a seconda che siano basati sull'uguaglianza o sulla differenza. L'interazione simmetrica è caratterizzata dall'uguaglianza, in questo caso si rispecchia il comportamento dell'altro. Il processo opposto contraddistingue l'interazione complementare, basata sulla differenza in cui si hanno due diverse posizioni, up (superiore) - down (inferiore), in cui il comportamento di uno tende a completare quello dell'altro[2].

Watzlawick e altri ritengono che, affinché ci sia comunicazione, i comportamenti devono essere prodotti e osservati come atti del comunicare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Selvini Palazzoli, M., Boscolo, L., Cecchin, G., Prata, G., Paradosso e controparadosso (2003), Milano, Cortina Editore.
  2. ^ Watzlawick, P., Beavin, J.H., Jackson, D.D. (1967). Pragmatica della comunicazione umana. Roma: Astrolabio, 1971, pp 40- 107.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Selvini Palazzoli, M., Boscolo, L., Cecchin, G., Prata, G., Paradosso e controparadosso (2003), Milano, Cortina Editore.
  • Watzlawick, P., Beavin, J.H., Jackson, D.D. (1967). Pragmatica della comunicazione umana. Roma: Astrolabio, 1971, pp 40- 107
Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia