Arrivo degli ambasciatori inglesi alla corte del re di Bretagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arrivo degli ambasciatori inglesi alla corte del re di Bretagna
Vittore Carpaccio 037.jpg
AutoreVittore Carpaccio
Data1495 circa
Tecnicaolio su tela
Dimensioni275×589 cm
UbicazioneGallerie dell'Accademia, Venezia

L'Arrivo degli ambasciatori inglesi alla corte del re di Bretagna è un telero (olio su tela, 275×589 cm) di Vittore Carpaccio, databile al 1495 circa e conservato nelle Gallerie dell'Accademia di Venezia. Si tratta del settimo episodio dipinto per le Storie di sant'Orsola, già nella Scuola di Sant'Orsola a Venezia, ma da un punto di vista dello sviluppo del racconto è il primo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio dello sfondo

La cristiana Orsola, figlia del re di Bretagna, accettò di sposare il pagano re Ereo degli inglesi a patto che il futuro sposo si convertisse e andasse con lei in pellegrinaggio a Roma. La scena mostra gli ambasciatori inglesi che arrivano dal re di Bretagna per chiedere Orsola in sposa e fa parte della serie delle tre Ambascerie, in genere identificate come le ultime della serie, con il Commiato e il Ritorno.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La scena è divisa dall'architettura dipinta in tre parti e la lettura iconografica va da destra a sinistra verso il fondo, come una specie di palcoscenico diviso in vari momenti. L'architettura è così composta: a sinistra un portico con archi a tutto sesto su pilastri e colonne in marmo colorati, al centro un'aula aperta con un grande Sol invictus sul soffitto e dettagli anticheggianti come i profili di imperatori entro medaglioni, e a destra l'interno di una stanza a cui si accede da una scaletta che scavalca un canale. Tra la loggia e l'aula si trova una colonna in marmo screziato poggiata su una fantasiosa base a candelabra con motivi araldici, che ricorda l'estro della scuola ferrarese.

Parte sinistra[modifica | modifica wikitesto]

A sinistra, sullo sfondo di una città lagunare, si vede il corteo degli ambasciatori che è arrivato, mentre altri giovani veneziani, appartenenti alla Compagnia della Calza (incaricata di organizzare feste e spettacoli in occasione del Carnevale o di feste solenni), si atteggiano indifferenti dell'avvenimento, nei loro ricchi abiti con i simboli del loro prestigio ben in vista, come il falcone.

A sinistra, in primo piano sotto una loggia, si apre una veduta marina con un galeone.

Probabilmente l'uomo vestito con una toga rossa oltre la ringhiera è Pietro Loredan e i gentiluomini in primo piano i suoi figli, anche se alcuni hanno ipotizzato che l'uomo in toga rossa sia l'autoritratto dell'artista. La sua presenza fuori dal proscenio sembra funzionale a richiamare l'attenzione dello spettatore, come la figura del festaiolo o didascalos, cioè il narratore che nel teatro rinascimentale presentava e commentava le rappresentazioni. Analogo ruolo sembra aveva anche il fanciullo con la berretta piumata in primissimo piano, che guarda verso lo spettatore.

Parte centrale[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio

Gli ambasciatori intanto si inginocchiano via via che entrano nella stanza reale al cospetto del sovrano bretone Mauro e il primo di loro gli reca il documento dell'ambasceria. Le pose e i gesti di deferenza rimandando al rigido cerimoniale delle pubbliche udienze del Doge di Venezia, assiso di solito, proprio come re Mauro, tra i suoi consiglieri. La tribuna reale è contro una parete obliqua coperta di cuoi lavorati.

Straordinaria è la piazza che fa da sfondo a questa scena, con un canale oltre il quale si staglia un edificio a pianta centrale, una rivisitazione della Torre dell'Orologio e altri palazzi nel tipico stile veneziano. I riflessi degli edifici colorati tingono gli specchi d'acqua.

La parte destra

Parte destra[modifica | modifica wikitesto]

A destra, nella stanzetta privata, il re, una volta dimesso ogni regale sussiego, pensieroso incontra la figlia, che sta enumerando le proprie condizioni per il matrimonio: conversione dello sposo al Cristianesimo nel giro di tre anni, necessari alla sua istruzione dottrinale durante i quali ella sarebbe rimasta vergine, e pellegrinaggio, con lui, a Roma per incontrare il papa, assistita da dieci vergini a loro volta seguite da mille vergini ciascuna, più mille per lei stessa. Nella stanza, così intimamente domestica a differenza della sala di rappresentanza, si notano il tipico letto a cassettoni, con i sedili laterali e col baldacchino, oltre alle finestre con i vetri rotondi piombati e la piccola immagine della Madonna col bambino per la devozione privata.

Una donna anziana (una nutrice) sta seduta sui gradini, assorta nei propri pensieri, forse presagendo la tragica sorte di Orsola. Il suo ruolo è, anche in questo caso, quello di richiamare l'attenzione sulla scena che si svolge alle sue spalle. Questa figura fu così ammirata da Tiziano che la copiò, aggiornandola, nella scala presente nella Presentazione della Vergine al Tempio per la Sala dell'Albergo della Scuola Grande di Santa Maria della Carità (1536-1538).

Stile[modifica | modifica wikitesto]

L'amplissima composizione è impostata in modo da far scorrere nel modo più naturale i vari momenti della storia, cadenzati con un ritmo ben ordito, che si rifà all'esempio della manifestazioni teatrali e delle cerimonie religiose e civili della Repubblica di Venezia. Impossibile sarebbe immaginare un'orchestrazione tanto ampia senza l'unificazione garantita dalla prospettiva e della luce dorata, che permea il dipinto vibrando liberamente su tutti i dettagli e generando quella particolare atmosfera in cui sembra che l'aria circoli liberamente. Nella cerimonia diplomatica la luce spiove intensamente da sinistra, generando ombre nette.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Valcanover, Vittore Carpaccio, in AA.VV., Pittori del Rinascimento, Scala, Firenze 2007. ISBN 888117099X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]