Aquila meccanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'Aquila Meccanica esposta al Mondo di Leonardo di Milano

L'aquila meccanica è la più grande macchina volante di Leonardo da Vinci mai costruita: ispirata al volo dell'aquila, ha un'apertura alare di 12 metri e pesa 80 chili. Sebbene funzionante, non è però in grado di librarsi in aria con la sola forza impressa dalle braccia dell'uomo. Leonardo ha concepito una macchina volante leggera e robusta caratterizzata da sistemi a carrucola che permettono di piegare, battere e girare le ali[1]. Le ali sono dotate di più di 100 sportelletti in lino cerato a imitazione delle piume, che fanno passare l'aria in alzata e si chiudono in battuta. La macchina volante funziona, ma un essere umano non è in grado di battere le ali con la frequenza necessaria per volare. Il problema che rende la macchina non utilizzabile è quindi legato alla quantità di energia necessaria al suo funzionamento. La riproduzione fisica dell'aquila meccanica è stata realizzata da Mario Taddei del centro studi Leonardo3 ed è esposta a Milano[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'aquila di Leonardo (quasi) pronta a spiccare il volo - Galileo, in Galileo, 8 ottobre 2015. URL consultato il 12 luglio 2018.
  2. ^ L'aquila meccanica di Leonardo pronta a spiccare il volo - Hi-tech, in ANSA.it, 2 ottobre 2015. URL consultato il 12 luglio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video di presentazione di Rai Scuola.