Apu Illapu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella mitologia inca Apu Illapu (conosciuto anche come Illapa, Ilyap'a, Katoylla) era il dispensatore della pioggia e dio del tuono, del fulmine e dei lampi.[1][2][3]

Era un dio molto importante e venerato dagli Inca, dato che la pioggia era fondamentale per la vita. La sua festa cadeva il 25 luglio.

Miti e leggende[modifica | modifica wikitesto]

Illapu era un Apu, cioè uno spirito delle montagne, che risiedevano nelle vette più elevate.

Gli Inca credevano che Illapu prendesse l'acqua della pioggia dalla Via lattea e la portasse fino a loro con una brocca, per far piovere a volontà.

I templi di Illapu solitamente erano situati in luoghi molto elevati, anch'essi indicati come Apu. Quando le persone invocavano la pioggia si arrampicavano fino al tempio e celebravano un sacrificio. In periodi di grande siccità gli venivano offerti sacrifici umani.[4]

Si riteneva inoltre che Illapu agisse in accordo con Apocatequil, il dio inca della luce e dei lampi; si narrava che soprattutto in occasione di tempeste molto violente i due dei lavorassero insieme per placarle.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Apu Illapu si mostrava come un uomo rivestito di abiti scintillanti, che portava una mazza e una frombola con cui scagliava le pietre che si trasformavano in fulmini.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manuel Alvar Ezquerra, Vocabulario de indigenismos en las Crónicas de Indias, su books.google.com, Madrid, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 1997, p. 211. URL consultato il 25 luglio 2021.
  2. ^ (EN) Encyclopedia Mythica, su pantheon.org. URL consultato il 25 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2015)..
  3. ^ Greg Roza, Incan Mythology and Other Myths of the Andes, 2008.
  4. ^ lllapa, su hablemosdemitologias.com. URL consultato il 25 luglio 2021.
  5. ^ lllapa, su mitologia.info, Mitología.info, 14 novembre 2017. URL consultato il 25 luglio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]