Antonio Amati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Amati (Cremona, 15401638) è stato un liutaio italiano, figlio di Andrea Amati.

Lavorò dal 1555 al 1577 con il padre, di cui migliorò lo stile, ed il fratello Girolamo.

Violini[modifica | modifica wikitesto]

Antonio costruì i violini con il fratello Girolamo. Sono di buon materiale e vernice. Per lo più i suoi violini seguirono le caratteristiche di quelli paterni, tranne che per l'introduzione di una forma piatta; la vernice, che nei primi esemplari era densa e scura, nei violini successivi assume un colore arancio ed è più sottile. La potenza del suono è superiore a quella degli strumenti realizzati dal padre, anche se ne conserva la nitidezza e la dolcezza.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Dizionario di Musica", di A.Della Corte e G.M.Gatti, edito da Paravia & C., Torino, 1956, voce "Amati Antonio", pag.12-13

Contatti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN70079239 · GND: (DE132023938 · CERL: cnp00845738