Animali notturni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Animali notturni
NocturnalAnimals.png
Amy Adams in una scena del film
Titolo originale Nocturnal Animals
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 116 min[1]
Rapporto 2.35: 1
Genere noir, thriller, drammatico
Regia Tom Ford
Soggetto Austin Wright (romanzo)
Sceneggiatura Tom Ford
Produttore Tom Ford, Robert Salerno
Casa di produzione Fade to Black Films
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Seamus McGarvey
Montaggio Joan Sobel
Musiche Abel Korzeniowski
Scenografia Shane Valentino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Animali notturni (Nocturnal Animals) è un film thriller psicologico e neo-noir[2][3][4] del 2016 scritto, diretto e co-prodotto da Tom Ford.

Basato sul romanzo del 1993 di Austin Wright Tony & Susan, il film è interpretato da Jake Gyllenhaal, Amy Adams, Aaron Taylor-Johnson, Michael Shannon, Isla Fisher e Armie Hammer. Il film è stato presentato in concorso alla 73ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove ha vinto il Gran premio della giuria.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il mondo reale[modifica | modifica wikitesto]

Una gallerista affermata di nome Susan Morrow sembra vivere un momento di insoddisfazione nella propria vita. In questo contesto riceve dall'ex-marito Edward Sheffield, che non vede né sente da circa 20 anni, un manoscritto di un romanzo appena finito, che le ha dedicato. Approfittando di un week-end in cui resta sola (l'attuale marito infatti si è allontanato apparentemente per lavoro, ma in realtà per tradirla) la donna si dedica alla lettura del libro, che si intitola Animali notturni, proprio come lei veniva definita dall'ex-marito. La lettura dello scritto che è alternata alle vicende reali e presenta dei parallelismi metaforici con il loro passato di coppia, la assorbe e turba sempre di più.

Il romanzo[modifica | modifica wikitesto]

Il libro narra di Tony Hastings, un uomo tranquillo che durante un viaggio notturno nel West Texas viene fermato in autostrada da tre criminali, al capo dei quali c'è il sadico Ray Marcus, che rapiscono la moglie Laura e la figlia India. Fuggito dall'imboscata, decide di nascondersi e cercare aiuto. Insieme al detective Bobby Andes ritroverà i corpi di Laura ed India martoriati da torture e stupri. Un anno dopo viene contattato da Andes, che ha catturato il secondo assassino Lou, mentre il primo è rimasto ucciso in una rapina. Tony e il poliziotto trovano in seguito Ray, il capo dei criminali, ma non sembrano avere prove a sufficienza per condannarlo. A quel punto Bobby, ormai affetto da un cancro in fase terminale, decide di fare giustizia a Tony in modo illegale: rinchiudono i due assassini in una casetta dove dovranno essere uccisi da Tony. Ma quest'ultimo, in preda a una crisi di nervi causata dal freddo sadismo di Ray, se lo lascia scappare, mentre Lou viene colpito a morte da Bobby. Tony insegue Ray, che crede di controllarlo chiamandolo "debole" e "femminuccia" e descrivendogli la morte della moglie e della figlia. Disperato e distrutto dal dolore, Tony spara al killer, ma viene colpito a sua volta da Ray alla tempia con un piede di porco. Si risveglia dopo ore e, sanguinante, si trascina via e muore dopo essere caduto sulla sua pistola, che gli spara nello stomaco.

Il mondo reale[modifica | modifica wikitesto]

Mano a mano che prosegue la lettura, Susan si ricorda di quando incontrò anni dopo il liceo l'ex Edward, e di quando scattò tra loro la scintilla. Dopo il matrimonio, Susan si raffredda sempre più e va contro i progetti del marito di avere successo come scrittore. Edward è sempre più amareggiato, consapevole che la donna sta acquisendo la mentalità tipica della madre, rigida e venale. Susan, in preda alla mania di vivere una vita di apparenze, arriva a tradirlo con un altro uomo facoltoso e a commettere un atto che la tormenta da allora: decide di abortire quello che era il loro bambino per far sì che il divorzio procedesse. Tornati al presente, Susan, che ha ormai terminato il romanzo, dapprima inconsciamente si sincera delle condizioni della propria figlia con un'insolita telefonata notturna ed in seguito riprende i contatti tramite e-mail con l'ex, che apparentemente non sembra provato da ciò che è successo vent'anni prima. Organizza così una cena in un lussuoso ristorante. La donna lo attende per ore, ma Edward, per esprimere la sua vendetta raffinata e silenziosa, non si presenta. Non lo vedrà mai più.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 marzo 2015 George Clooney e Grant Heslov annunciarono l'intenzione di produrre, tramite la loro Smokehouse Pictures, il thriller Nocturnal Animals, basato sul romanzo di Austin Wright Tony & Susan (Tony and Susan),[5] con Tom Ford alla regia.[5] Il giorno seguente Amy Adams e Jake Gyllenhaal entrarono nel cast nei ruoli principali di Susan e Edward/Tony, mentre Joaquin Phoenix ed Aaron Taylor-Johnson entrarono in trattative per partecipare alla pellicola.[6] Il 17 maggio Focus Features acquisì i diritti di distribuzione del film negli Stati Uniti per la cifra di 20 milioni di dollari, lasciando ad Universal Pictures la distribuzione internazionale.[7] Il 6 agosto Taylor-Johnson fu confermato nel ruolo di Ray Marcus, mentre Michael Shannon sostituì Phoenix nel ruolo dell'investigatore Andes.[8]

Il 28 agosto Armie Hammer entrò nel cast ner ruolo di Hutton Morrow, nuovo marito di Susan.[9] Il 9 settembre Isla Fisher entrò nel cast nel ruolo di Laura Hastings, moglie di Tony,[10] mentre il 18 settembre Ellie Bamber accettò il ruolo della figlia di Tony e Laura.[11] Il 30 settembre Robert Aramayo entrò nel cast nel ruolo di Turk,[12] il 5 ottobre fu la volta di Karl Glusman[13] e l'8 ottobre di Peter Nyong'o.[14]

Il budget del film è stato di 22.5 milioni di dollari.[15]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese cominciarono il 5 ottobre 2015 a Los Angeles, in California,[13][16] e terminarono il 5 dicembre.[17]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film viene diffuso il 15 settembre 2016, anche in italiano.[18]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima il 2 settembre 2016 alla 73ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[19] Il film è stato presentato anche al Toronto International Film Festival il 9 settembre 2016[20] ed al BFI London Film Festival il 14 ottobre.[21]

È stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 17 novembre 2016 da Universal Pictures,[22] mentre negli Stati Uniti è uscito il giorno successivo a cura di Focus Features.[23]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nocturnal Animals (15), su British Board of Film Classification, 4 ottobre 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  2. ^ (EN) Nocturnal Animals review – Tom Ford’s seductive cautionary tale, su The Guardian, 20 febbraio 2017. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) 'Nocturnal Animals' Review: Twisty Thriller Plays With Truth, Fiction, Murder, su Rolling Stone, 20 febbraio 2017. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  4. ^ (EN) Gyllenhaal delivers in neo-noir “Nocturnal Animals”, su wcuquad.com, 20 febbraio 2017. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  5. ^ a b (EN) Borys Kit, Tom Ford Teams With George Clooney for Thriller 'Nocturnal Animals' (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 24 marzo 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  6. ^ (EN) Borys Kit, Jake Gyllenhaal, Amy Adams Circling Tom Ford's 'Nocturnal Animals', in The Hollywood Reporter, 25 marzo 2015. URL consultato il 30 marzo 2015.
  7. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Focus Features Wins Tom Ford’s ‘Nocturnal Animals’ In Whopping $20 Million Cannes Worldwide Rights Deal, su Deadline.com, 17 maggio 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  8. ^ (EN) Justin Kroll, Aaron Taylor-Johnson, Michael Shannon Join Jake Gyllenhaal’s ‘Nocturnal Animals’ (Exclusive), in Variety, 6 agosto 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  9. ^ (EN) Patrick Hipes, Armie Hammer Joins Tom Ford’s ‘Nocturnal Animals’, su deadline.com, 28 agosto 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  10. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Isla Fisher Joins Tom Ford’s ‘Nocturnal Animals’, su deadline.com, 9 settembre 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  11. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Tom Ford Adds Ellie Bamber To ‘Nocturnal Animals’, su deadline.com, 18 settembre 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  12. ^ (EN) Ross A. Lincoln, Robert Aramayo Nabs Roles In ‘Game Of Thrones’ & ‘Nocturnal Animals’, su deadline.com, 30 settembre 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  13. ^ a b (EN) Ross A. Lincoln, Karl Glusman Joins ‘Nocturnal Animals’, su deadline.com, 5 ottobre 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  14. ^ (EN) Ross A. Lincoln, Stan Lee & William Shatner To Unveil Collaboration At Comikaze 2015; ‘Nocturnal Animals’ Adds Peter Nyong’o, su deadline.com, 8 ottobre 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  15. ^ (EN) Stephen Galloway, Tom Ford's Inner Life: A Director's Turmoil, Depression Battles and Staggering Talent, in The Hollywood Reporter, 7 settembre 2016. URL consultato il 26 novembre 2016.
  16. ^ (EN) On the Set for 10/9/15: Marc Webb & Chris Evans Start ‘Gifted’, Garry Marshall & Julia Roberts Wrap ‘Mother’s Day’, su ssninsider.com, 9 ottobre 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  17. ^ (EN) On the Set 12/11/15: James Franco and Seth Rogen Start ‘The Disaster Artist’, Owen Wilson & Ed Helms Wrap ‘Bastards’, su ssninsider.com, 11 dicembre 2015. URL consultato il 26 novembre 2016.
  18. ^ Filmato audio Universal Pictures International Italy, Animali notturni di Tom Ford - Teaser trailer italiano ufficiale (Universal Pictures) HD, su YouTube, 15 settembre 2016. URL consultato il 15 settembre 2016.
  19. ^ Animali notturni, cinema.universalpictures.it. URL consultato il 26 novembre 2016.
  20. ^ (EN) Nocturnal Animals, in Toronto International Film Festival. URL consultato il 26 novembre 2016.
  21. ^ (EN) Nocturnal Animals, in BFI London Film Festival. URL consultato il 26 novembre 2016.
  22. ^ Nocturnal Animals - Tom Ford, labiennale.org. URL consultato il 26 novembre 2016.
  23. ^ (EN) Nocturnal Animals, su Box Office Mojo. URL consultato il 26 novembre 2016.
  24. ^ Oscar 2017: tutte le nomination, su Il Post, 24 gennaio 2017. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  25. ^ Golden Globes 2017: See the Full List of Nominees, in Entertainment Weekly's EW.com. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  26. ^ (EN) Tom Ford, Marc Platt & Kenneth Lonergan to be Honored, in Hollywood Film Awards, 19 ottobre 2016. URL consultato il 26 novembre 2016.
  27. ^ David di Donatello 2017: tutte le nomination!, badtaste.it. URL consultato il 21 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema