Analisi dell'olio lubrificante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Analisi olio lubrificante)

Con analisi dell'olio lubrificante si intende normalmente l'attività di analisi delle proprietà chimico-fisiche dell'olio lubrificante usato e degli eventuali contaminanti, allo scopo di ottenere informazioni sulle condizioni operative del macchinario lubrificato e sulle condizioni del lubrificante stesso.

Le informazioni scaturite da queste analisi vengono utilizzate per la manutenzione meccanica su condizioni (manutenzione predittiva).

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

L'analisi oli lubrificanti consiste nel prendere in considerazione alcuni dei parametri chimico fisici propri dell'olio lubrificante, valutandoli secondo normative nazionali od internazionali di riferimento. Si effettuano sia da parte delle ditte produttrici che con prelievi periodici durante l'uso dei macchinari.

Le Analisi possono quindi risultare molto utili come controllo Qualità, se applicate alla fonte dal produttore, prima della distribuzione, per verificare che il prodotto risponda alle specifiche per cui è stato sviluppato. Si tratta di test su grandi volumi di prodotti omogenei, di cui vogliamo conoscere le caratteristiche operative, in funzione dell'additivazione, della qualità delle basi impiegate, della loro stabilità etc.

Le Analisi Tribologiche effettuate sugli oli lubrificanti (od idraulici) usati, provenienti cioè da meccanismi in esercizio, per verificarne l'effettivo “stato di salute” rientrano nella categoria dei “Controlli non distruttivi” ed hanno valore essenzialmente diagnostico e preventivo.

Si possono paragonare agli esami clinici a cui ci sottoponiamo per decidere se le condizioni fisiche più “intime” di un individuo sono rispondenti alle sue aspettative. Il livello di Colesterolo, così come la Glicemia sono da valutare come dati assoluti (confrontati per determinate classi di età, sesso, razza) e come variazione nel tempo, in funzione della dieta, attività fisica, etc.

Analogamente si applicano specifiche prove (a norma ASTM o ISO) per comprendere se a livello microscopico, o addirittura molecolare, un determinato lubrificante ha subito in “x” ore, mesi o anni, una degradazione, considerata fisiologica per quella tipologia di macchinario.

Si parla di “conditions’ monitoring” ed è una delle prime ricerche diagnostiche a cui facciamo riferimento a livello aeronautico; tutti i velivoli militari dotati di una sola turbina (inclusi gli evolutissimi F-16) hanno l'obbligo di sottoporsi al controllo SOAP (Spectrometric Oil Analysis Program). Poche gocce di olio vengono analizzate con uno speciale apparecchio, che quantifica e qualifica i principali metalli presenti all'interno del fluido.

Tipologie di analisi dell'olio[modifica | modifica wikitesto]

Le analisi dell'olio usato prendono in esame tre aspetti fondamentali:

  • la condizione chimico-fisica dell'olio (viscosità, acidità, additivazione, alterazioni chimiche);
  • la presenza di contaminanti (acqua, polveri, fluidi di processo);
  • la presenza di metalli da usura.

Obiettivi dell'analisi dell'olio[modifica | modifica wikitesto]

Il monitoraggio preventivo della condizione chimico-fisica dell'olio e dei livelli di contaminazione permettono, entro certi limiti, l'ottimizzazione delle condizioni di esercizio del macchinario lubrificato, in un'ottica di manutenzione proattiva. Il regolare monitoraggio della presenza di metalli da usura, in particolare lo studio dei trend (in termini di velocità di produzione dei metalli da usura) e in casi anomali l'analisi morfologica del particolato metallico, permette la gestione della disponibilità del macchinario, al fine di eliminare i guasti imprevisti, in un'ottica di manutenzione predittiva.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]