Amo (pesca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Struttura dell'amo

Nella pesca, l'amo è un uncino di diverse dimensioni e forme usato per catturare il pesce. È formato da tre parti:

  • Paletta: è la parte sulla quale viene legata la lenza. Può essere pure forata per determinati tipi di pesca.
  • Corpo: è il ricurvamento dell'uncino. Può essere diritto, curvato o doppio per determinate esche e pesci.
  • Ardiglione: è la parte che ha il compito di trattenere il pesce, restando incastrata nei tessuti, in genere all'interno della bocca. Per alcuni tipi di pesca, ad esempio nella Catch & Release, si usano ami senza ardiglione, che permettono il rilascio del pesce senza che esso subisca lesioni pericolose.

L'uso dell'amo è chiaramente molto importante nella pesca per questo ne esistono diversi tipi: dall'amo che non lascia andare la preda che abbocca a quello che invece, senza l'ardiglione, facilita la penetrazione e quindi la ferrata sarà sicura ma più difficile la cattura.

Un particolare tipo di amo è l'ancoretta che possiede tre corpi e tre ardiglioni. È usata per la pesca di esemplari di una certa dimensione, ed è spesso abbinata al cucchiaino.

L'amo è legato ad uno spezzone di lenza più sottile detto terminale e raccordato alla madre lenza dalla girella.

Gli ami si possono reperire sciolti o legati; la legatura è effettuabile a mano o mediante dispositivi semi-automatici.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]