Algemeiner Journal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Algemeiner Journal
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Linguainglese americano
Periodicitàsettimanale
Formatotabloid
FondatoreGershon Jacobson
Fondazione1972
SedeBrooklyn, New York
ISSN1084-4317 (WC · ACNP)
Sito web
 

L'Algemeiner Journal è un settimanale ebreo-statunitense con sede a Brooklyn, New York. L'ex senatore Joseph Lieberman ha descritto il settimanale e la Jacobson Foundation come "sostenitori della verità indipendente per il popolo ebraico e Israele".[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il settimanale è stato fondato nel 1972 da Gershon Jacobson (1934-2005). Apparve per la prima volta in lingua yiddish con il titolo "The General" e costò 25 penny a settimana, con una tiratura di circa 18.000 a 23.000 copie.

A partire dal 1994 è stata pubblicata anche una versione inglese con l'aggiunta "THE algemeiner JORNAL" (ortografia propria). Dalla morte del fondatore nel 2005,[2] la rivista è stata pubblicata in due lingue dalla Gershon Jacobson Jewish Continuity Foundation.

La distribuzione delle versioni stampate è principalmente nell'area di New York City. I numeri, che sono stampati dalla Gershon Jacobson Jewish Continuity Foundation (GJCF), appaiono in una tiratura settimanale di circa 100.000 copie. Il prezzo di vendita oggi è di un dollaro USA. Editor-in-chief è Dovid Efune.[3]

L'editore gestisce anche una versione online gratuita con pagine di blogger e presenta resoconti non convenzionali, voci sulla politica e sulla vita sociale e culturale della comunità ebraica americana e internazionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) "Religion and Politics: Senator Joseph Lieberman," TorahCafe.com.
  2. ^ (EN) Margalit Fox, "Gershon Jacobson, 70, Founder and Editor of Yiddish Journal, Is Dead", The New York Times, 2 giugno 2005.
  3. ^ (EN) Online Version Algemeiner Journal

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]