Alfabeto cirillico bosniaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'alfabeto cirillico bosniaco, conosciuto come Bosančica [bosaŋtʃitsa],[1][2] è una variante estinta dell'alfabeto cirillico che ha avuto origine in Bosnia ed Erzegovina. Ha influenze dell'alfabeto glagolitico più che del cirillico in uso per lo slavo ecclesiastico in Serbia.

Il cirillico bosniaco è stato ampiamente utilizzato in Bosnia-Erzegovina e nelle aree confinanti in Croazia (Dalmazia meridionale e Ragusa). È stato particolarmente in uso da parte della Chiesa bosniaca. Il suo nome in lingua bosniaca è bosančica, bosanica o bošnjačko pismo (alfabeto bosniaco).[2] È stato anche definito "cirillico occidentale" o "cirillico croato-bosniaco".

Il cirillico bosniaco entra in uso nell'Alto Medioevo; il primo documento litico che ne fa uso è la Tavola di Humac, scolpita attorno all'anno 1000. Anche lo Statuto del ban Kulin (circa 1200) è in cirillico bosniaco. Nei secoli successivi viene utilizzato per i documenti ufficiali della Chiesa bosniaca, specialmente dopo lo scisma con Roma. La sua epoca d'oro è tra il XIV e il XVII secolo. L'uso del cirillico bosniaco scema progressivamente con la conquista ottomana nel XV secolo e l'introduzione dell'alfabeto arebica, basato sull'arabo,[3] e con la concorrenza degli alfabeti latino e cirillico. Il cirillico bosniaco rimane in uso come alfabeto della nobiltà bosniaca, con il nome di Begovica.

Antichi alfabeti bosniaci: bosančica (alto) e arabica (basso), comparati con l'attuale alfabeto in caratteri latini

Il cirillico bosniaco è stato definito anche con i seguenti termini:

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Balić, Smail (1978). Die Kultur der Bosniaken, Supplement I: Inventar des bosnischen literarischen Erbesa in orientalischen Sprachen. Vienna: Adolf Holzhausens, Vienna. pp. 49–50, 111.
  2. ^ a b Algar, Hamid (1995). The Literature of the Bosnian Muslims: a Quadrilingual Heritage. Kuala Lumpur: Nadwah Ketakwaan Melalui Kreativiti. pp. 254–68
  3. ^ Dobraća, Kasim (1963). Katalog Arapskih, Turskih i Perzijskih Rukopisa (Catalogue of the Arabic, Turkish and Persian Manuscripts in the Gazihusrevbegova Library, Sarajevo). Sarajevo. pp. 35–38.
  4. ^ Poljička glagoljica ili poljiška azbukvica
  5. ^ Ivan Franjo Jukić (a cura di), V. Književnost bosanska, in Bosanski prijatelj, vol. 1, Zagreb, Ljudevit Gaj, 1850, p. 29.
    «Plač blažene divice Marie, koi plač izpisavši sarpski... fra Matie Divković iz Ielašak...».
  6. ^ Matija Antun Reljković, Satir iliti divji čovik, a cura di Ivo Bogner, 1974 [17xx].
  7. ^ Vladimir Ćorović, Bosna i Hercegovina, 1925.

    «Čuveni krajiški begovi Kulenovići [...] Njihovo pismo bilo je sve do okupacije ćirilica, takozvano begovsko pismo, koje su oni sami zvali stara srbija.»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]