Alexander Wittek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexander Wittek (Sisak, 12 ottobre 1852Graz, 11 maggio 1894) è stato un architetto e scacchista austro-ungarico[1].

Come architetto Wittek ha lavorato in Bosnia ed Erzegovina durante il periodo austro-ungarico. Le sue opere più famose a Sarajevo sono l'edificio del Municipio, detto "Vijećnica" (1892-1894)[2], che in seguito divenne la Biblioteca Nazionale, e la fontana pubblica Sebilj (1891), oggi simbolo di Sarajevo, entrambe costruite in stile neo-moresco.[3]

Wittek era anche un maestro di scacchi. Ottenne il 5º-6º posto a Berlino nel 1881 (2º Congresso DSB, vinto da Joseph Henry Blackburne), e il 9º posto nel torneo di Vienna 1882 (vinto alla pari da Wilhelm Steinitz e Simon Winawer).

Wittek morì in un ospedale psichiatrico di Graz nel 1894, dopo che gli era stato diagnosticato un "disturbo mentale paralitico" l'anno precedente[4]. Una fonte cita la morte per suicidio, mentre un'altra menziona come causa la tubercolosi.[4]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su newinchess.com. URL consultato il 26 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2012).
  2. ^ coe.int, https://www.coe.int/t/dg4/cultureheritage/Regional/SEE/IRPPSAAH/PTA/PTA_BosniaandHerzegovina_TownHallSarajevo_APP.pdf.
  3. ^ sarajevo-guide.com, http://www.sarajevo-guide.com/attractions.htm.
  4. ^ a b http://www.klinikum-graz.at/cms/dokumente/10094691_2096265/888a95f9/Ztg%20KlinOptikum%206_07%20druckverson_070725n.pdf[collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]