Aleatico di Gradoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aleatico di Gradoli
Dettagli
Stato Italia Italia
Resa (uva/ettaro) 90 q
Resa massima dell'uva 70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
11,5%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
12,0%
Estratto secco
netto minimo
20,0‰
Riconoscimento
Tipo DOC
Istituito con
decreto del
21/06/1972  
Gazzetta Ufficiale del 22/08/1972,
n 217
Vitigni con cui è consentito produrlo
[senza fonte]

L'Aleatico di Gradoli è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Viterbo.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • colore: rosso granato con tonalità violacee.
  • odore: finemente aromatico, caratteristico.
  • sapore: di frutto fresco, morbido, vellutato, dolce.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'Aleatico di Gradoli è stato introdotto nei Monti Volsini dagli Etruschi, che lo avrebbero acquisito dai Greci. Leggenda vuole che in una grotta poco fuori il paese di Gradoli (chiamata ancora oggi Poggio del Diavolo) vivesse un demonio; questo era solito terrorizzare con brutti scherzi gli abitanti di Gradoli. Molti giovani valorosi avevano tentato di ucciderlo ma erano stati tutti sconfitti. Un giorno il demonio, tornando a casa, trovò un leone che dormiva nella sua grotta. Tentò di svegliarlo e di cacciarlo, ma il leone riuscì a sconfiggerlo e il povero demonio dovette sprofondare nell'Inferno. Il suo bastone però rimase conficcatto nel terreno. Il leone casualmente vi dormì sopra e l'indomani sul bastone era cresciuta una vite: la vite dell'Aleatico. Per riconoscenza gli abitanti di Gradoli misero nel loro stemma proprio il leone e il bastone con la vite.

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

Dolci a pasta secca.

Produzione Annuale[modifica | modifica wikitesto]

Provincia, stagione, volume in ettolitri

  • Viterbo (1990/91) 301,91
  • Viterbo (1994/95) 391,29
  • Viterbo (1995/96) 478,3
  • Viterbo (1996/97) 353,83
Alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici