Alberto Cavalli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Cavalli

Presidente della Provincia di Brescia
Durata mandato 27 giugno 1999 –
7 giugno 2009
Predecessore Andrea Lepidi
Successore Daniele Molgora

Sottosegretario del presidente della Regione Lombardia all'Università
Durata mandato 20 aprile 2010 –
20 ottobre 2012
Presidente Roberto Formigoni

Assessorato della Regione Lombardia al commercio, turismo, terziario
Durata mandato 19 marzo 2013 –
22 aprile 2014
Presidente Roberto Maroni

Assessorato della Regione Lombardia alle infrastrutture e mobilità
Durata mandato 22 aprile – 10 dicembre 2014
Presidente Roberto Maroni

Dati generali
Partito politico Forza Italia (1994 – 2009)
Il Popolo della Libertà (2009 – 2013)
Forza Italia (dal 2013)
Titolo di studio laurea in architettura
Università Università Ca' Foscari Venezia
Professione architetto

Alberto Cavalli (Brescia, 17 marzo 1953) è un politico italiano, presidente della provincia di Brescia dal 1999 al 2009 ed assessore per la regione Lombardia dal 2013 al 2014.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Brescia il 17 marzo 1953, Alberto Cavalli si laurea in architettura all'Università Iuav di Venezia e si dedica da principio alla carriera professionale aprendo uno studio nella sua città d'origine.[1]

Negli anni Ottanta e fino al 1996 è consigliere di amministrazione della Triennale di Milano. Ne è stato in particolare commissario straordinario dal 1990 al 1992 in occasione della 18ª esposizione internazionale.[1] Dal 1996 è membro del Comitato di programmazione e pianificazione territoriale di Regione Lombardia.

Esponente di Forza Italia dalla sua fondazione, alle elezioni provinciali bresciane del 1995 viene, primo degli eletti, eletto consigliere.[1]

Nel 1996 si candida alla Camera nel collegio di Chiari: sostenuto dal centrodestra, ottiene il 29,6% dei voti. Viene battuto dal rappresentante del'Ulivo e da quello della Lega Nord Daniele Molgora, risultato in seguito vincitore.[2]

Alle amministrative del 1999 è eletto Presidente della Provincia in rappresentanza di una coalizione di centrodestra. Al ballottaggio vince con il 50,3% dei voti sul candidato del centro-sinistra Guido Galperti.[3]

Confermato al turno di ballottaggio alle elezioni provinciali del 2004, in qualità di candidato della Casa delle Libertà, con una maggioranza del 54%, vince contro il candidato de L'Unione Tino Bino.[4]

Durante questo secondo mandato è eletto vicepresidente vicario Unione Province d’Italia (UPI).

Nel 2010 è nominato dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni alla carica di sottosegretario del presidente con delega all'Università e Ricerca,[1] incarico che mantenne fino all'ottobre 2012.[5]

L'anno seguente partecipa alle elezioni regionali dove è eletto consigliere per la lista provinciale bresciana de Il Popolo della Libertà. Il 19 marzo il nuovo presidente della regione, Roberto Maroni, lo nomina assessore Regionale al Commercio, Turismo e Settore Terziario. Dopo un rimpasto di giunta, il 22 aprile 2014, Maroni lo nomina assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, carica che mantiene fino al 10 dicembre.[5][6]

In Consiglio Regionale ricopre in seguito il ruolo di presidente della VIII Commissione permanente Agricoltura, Montagna, Foreste e Parchi.

Dopo aver aderito al Movimento di Stefano Parisi Energie per l’Italia, Alberto Cavalli svolge il ruolo di capogruppo in Consiglio Regionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]